Charlie Gard, è nato il fratellino: “E’ un miracolo”

Connie Yates, 34 anni, e Chris Gard, 36, annunciano al mondo la nascita del fratellino del piccolo Charlie, a differenza di quest’ultimo “perfettamente sano”.

La madre del piccolo Charlie Gard ha sentito un'”ondata di puro amore” mentre ha tenuto in braccio per la prima volta il suo fratellino, e non esita a parlare di “miracolo”. Il parto cesareo è stato eseguito con successo lo scorso mercoledì sera e il bimbo è in ottima forma.

Connie Yates, 34 anni, e Chris Gard, 36 anni, si sono subito innamorati del neonato, venuto al mondo all’indomani di quello che sarebbe stato il quarto compleanno di Charlie. Non hanno ancora scelto il nome, ma sono già fieri e innamorati persi di lui.

Leggi anche –> Charlie Gard, 3 anni dopo la sua morte sta per nascere il fratellino

Leggi anche –> La piccola Tafida è arrivata al Gaslini di Genova, il supporto vitale continuerà

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I genitori di Charlie Gard tra gioia e commozione

I genitori del neonato trattengono a stento la commozione nel notare la sua “misteriosa” somiglianza con suo fratello maggiore Charlie, morto a causa di una rara condizione genetica a poche ore dal suo primo compleanno, nel 2017. E’ “la sua immagine sputata”, dicono soddisfatti e orgogliosi della loro creatura.

“Siamo estremamente stanchi – ha confessato Chris Gard – ma non vogliamo dormire: desideriamo solo guardarlo tutto il tempo. È davvero stupendo e ha superato ogni visita medica che gli è stata prescritta”. Il neopapà racconta di “un momento davvero magico ed estremamente emozionante” e ha aggiunto che “il mondo ora sembra più bello”.

Lui e sua moglie hanno rinunciato tra le lacrime alla battaglia legale per mantenere in vita il piccolo Charlie quando, nel luglio 2017, le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate. Ma continuano a sostenere che il loro primogenito avrebbe potuto vivere una vita normale se avesse ricevuto per tempo un trattamento sperimentale negli Stati Uniti. Il fratellino di Charlie aveva una possibilità su quattro di nascere con la stessa malattia.

EDS