Naufraghi salvati da morte certa grazie ad un “SoS” tracciato sulla sabbia

Tre naufraghi finiti in un’isoletta disabitata della Micronesia, sono stati salvati grazie ad un SoS tracciato sulla sabbia.

Un viaggio avventuroso per le acque della Micronesia si è tramutato in una disavventura per tre uomini. Questi avevano affittato un’imbarcazione a Pulawat ed avevano intenzione di raggiungere via mare l’atollo di Pulap. Le due isole distano circa 40 chilometri, dunque si trattava di un viaggio mediamente lungo. Durante il tragitto, però, i tre hanno perso la rotta e presto anche la benzina dell’imbarcazione è finita. A quel punto si sono trovati alla deriva e sono approdati su un’isoletta grande circa 0,13 km quadrati.

Leggi anche ->Speleologi dispersi | tre persone smarrite nelle grotte del Comasco

La situazione era disperata, sulla piccola isola – erano giunti su Pikelot – non c’erano altro che palme e sabbia. Il cibo dunque scarseggiava e i naufraghi si sono dovuti arrangiare mangiando delle noci di cocco. Come nella più abusata delle storie di Hollywood l’unica speranza era affidarsi alla vista di qualche pilota. Dunque i tre uomini hanno tracciato sulla sabbia un gigantesco ‘SoS‘.

Leggi anche ->Giggino Wifi, chi è il giovane napoletano scomparso nel nulla

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Naufraghi salvati grazie ad un “SoS” sulla sabbia

Trattandosi di un’isoletta in mezzo a chilometri di oceano, distante 190 chilometri dalla destinazione dei tre naufraghi, il rischio era che passassero settimane se non mesi prima che qualcuno sorvolasse la zona. Per loro fortuna un pilota dell’aviazione statunitense il due agosto si trovava a passare di lì ed ha notato la loro richiesta d’aiuto. Senza perdere tempo il militare ha inoltrato la richiesta di soccorso alla Marina Australiana, che già era alla ricerca dei tre uomini.

Gli sfortunati esploratori sono stati salvati con un elicottero e portati su un’imbarcazione degli Stati Federati della Micronesia. Dopo aver mangiato e bevuto, sono stati scortati sino all’isola di Pulawat, loro punto di partenza. Per fortuna i tre naufraghi, denutriti e assetati, non avevano problematiche fisiche né ferite gravi. Ciò significa che nel giro di qualche giorno potranno tornare alla loro vita normale con un’esperienza incredibile alle spalle da poter raccontare.