Home Meteo Meteo, caldo africano: temperature a 40 gradi

Meteo, caldo africano: temperature a 40 gradi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:49
CONDIVIDI

Le previsioni meteo per i prossimi giorni: arriva l’anticiclone africano

meteo caldo agosto
Previsioni meteo per i prossimi giorni: super caldo in arrivo

Un’estate così fresca erano anni che non l’avevamo. Giugno e, ormai anche luglio, sono scivolati via pressoché senza picchi di calore, senza farci boccheggiare per l’afa, senza quelle giornate torride e insostenibili. Un piccolo regalo di questo terribile 2020. Ma il bel dono è già finito. Già perché da lunedì cambia tutto e arriva dall’Africa un’ondata di caldo da record con temperature che arriveranno a oltre 40 gradi nelle zone interne del Sud e a 37/38 nelle grandi città del Centro.

Le previsioni meteo per i prossimi giorni indicano dunque un aumento repentino e sostanziale dei valori termici e anche una condizione di stabilità che durerà a lungo. Gli esperti del meteo avevano previsto che agosto 2020 sarebbe stato diverso dai mesi precedenti e caratterizzato dal gran caldo. Ebbene è quello che sembra succederà. Insomma il caldo che non abbiamo patito a giugno e luglio lo patiremo adesso.

Meteo prossimi giorni: caldo record sull’Italia

Dopo una settimana segnata da temporali anche molto forti al Nord, il fine settimana sarà decisamente estivo su tutta la Penisola con il sole nel ruolo del protagonista. Avremo specialmente da domenica un aumento dell’Alta Pressione che significa più caldo e tempo stabile. Tutto bene, dunque? Non proprio, perché da lunedì l’Italia sarà raggiunta da masse d’aria bollente provenienti dal Sub-Sahara. E’ il famigerato Anticiclone africano che dopo non essersi fatto vedere per due mesi torna sul nostro Paese. E non ci lascerà per diverse settimane con temperature che diventeranno incandescenti.

Da lunedì 27 luglio inizierà l’ascesa dei valori termici. In appena 24 ore assisteremo ad un aumento di 4/5 gradi sia nei valori minimi sia massimi. Così Roma passerà da 32-19 a 36-23 gradi e lo stesso avverrà a Firenze, Bologna e Ferrara. Nei prossimi giorni il caldo e l’afa aumenterà ulteriormente: tra giovedì 30 e sabato 1 luglio a Roma e Perugia si registreranno 37 gradi, 38 a Firenze, 36 in Campania, Calabria, nel resto della Toscana e dell’Umbria e addirittura fino a 40 gradi in Puglia, Sardegna e Sicilia.

Questa condizione bollente durerà tutta la settimana sebbene al Nord qualche decadimento inizierà ad esserci intorno a venerdì per via di una perturbazione atlantica che riuscirà a penetrare portando rovesci su Alpi e Prealpi e arrivando fino alla Pianura Padana. Sul resto del Paese invece le temperature continueranno ad essere roventi, solo sulla costa si avrà un po’ di sollievo per via della brezza marina.

Nella seconda settimana del mese di agosto che va dal 3 al 9 agosto l’anticiclone africano dovrebbe attenuarsi con temperature che dovrebbero tornare su valori alti, ma meno incandescenti. Sole e caldo con qualche temporale al Nord. Questa condizione dovrebbe durare fino a Ferragosto stando ai modelli matematici delle previsioni del tempo. Dopo quella data la cortina dell’Anticiclone potrebbe diventare più permeabile al maltempo dell’Atlantico.

Dunque questo fine luglio così rovente è dovuto alla circolazione depressionaria nel Mar del Nord che rinforza l’alta Pressione nordafricana sul Mediterraneo, una situazione che andrà evolvendosi con il passare dei giorni e mitigandosi, sebbene il caldo sarà il protagonista del mese di agosto.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTrovati nell’auto i cadaveri di una madre e delle 2 figlie di 4 e 2 anni
Articolo successivoGiada Pezzaioli, le diagnosticano l’aborto, poi succede l’incredibile
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.