Gaetano Curreri, il legame speciale con Vasco Rossi: cosa li unisce da anni

Chi dice Gaetano Curreri dice anche Vasco Rossi, tanto è forte il rapporto che lega il rocker di Zocca e il cantautore bolognese leader degli Stadio.

La carriera di Gaetano Curreri ha avuto inizio nelle balere e nelle sale da ballo della provincia di Modena alla fine degli anni ’60: fondamentale è stato per lui l’incontro con Vasco Rossi, allora giovanissimo e sconosciuto, col quale ha dato avvio a un proficuo rapporto di collaborazione, partecipando tra l’altro alla fondazione di Punto Radio a Bologna, una delle prime radio libere d’Italia.

Alla fine degli anni ’60 il sodalizio artistico ha portato alla realizzazione dei primi due album di Rossi: …Ma cosa vuoi che sia una canzone… (1978) e Non siamo mica gli americani! (1979), entrambi suonati e soprattutto arrangiati da Curreri. L’amicizia e la collaborazione tra i due ha avuto una fortunata prosecuzione negli anni successivi, dando origine ad alcune delle canzoni più celebri del loro repertorio, nonché a brani di successo per altri interpreti.

Leggi anche –> Chi è Gaetano Curreri: età, vita privata e carriera del cantante degli Stadio

Leggi anche –> Chi è Vasco Rossi: età, carriera e vita privata del cantautore italiano

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La “chimica” tra Gaetano Curreri e Vasco Rossi

Gaetano Curreri è senz’altro uno dei più cari amici di Vasco Rossi. In occasione del recente 68° compleanno del leader degli Stadio, il rocker di Zocca gli ha dedicato un toccante post sui social, facendogli gli auguri e ringraziandolo perché senza di lui la sua carriera non sarebbe stata quella che è oggi. “Buon compleanno al maestro Gaetano (Bethoten) Curreri!!! Senza il quale non avrei mai iniziato questa straordinaria avventura”, ha scritto Vasco pubblicando alcune foto che li ritraggono insieme e il video della loro esibizione sul palco del Modena Park il 1° luglio del 2017.

Quella di Vasco e Curreri è una lunga storia di amicizia, stima e affetto reciproci. Sono tantissimi i brani che hanno fatto la storia della musica italiana e che portano la firma di entrambi. Tra i più belli ricordiamo “E dimmi che non vuoi morire”, che Patty Pravo ha portato al Festival di Sanremo nel 1997; sempre per Patty Pravo hanno scritto “Una donna da sognare” e “La luna”. E ancora: “Benedetta passione” per Laura Pausini; “La tua ragazza sempre” e “Prima di partire per un lungo viaggio” per Irene Grandi e “Vuoto a perdere” per Noemi. L’ultimo brano è “Io sono bella”, scritto per Emma Marrone.

EDS