Home Meteo Meteo, arriva la fiammata africana: temperature bollenti

Meteo, arriva la fiammata africana: temperature bollenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:06
CONDIVIDI

Previsioni meteo per la prossima settimana: arriva il caldo dall’Africa. Ecco il dettaglio e le città più calde

meteo caldo
Previsioni bollenti per la prossima settimana

L’estate 2020 dal punto di vista del meteo si sta rivelando tutto sommato mite, ma decisamente imprevedibile. Se finora l’abbiamo scampata dalle temperature torridi ce la siamo dovuta vedere con nubifragi violenti ed improvvisi che hanno causato gravissimi danni e messo a rischio la vita delle persone. Nei prossimi giorni quest’aria instabile che finora ha caratterizzato il meteo sull’Italia sparirà per lasciare spazio ad una condizione più duratura e, ahinoi, molto bollente. E’ in arrivo infatti dalla prossima settimana una fiammata africana che ci porterà a vivere giornate roventi. Ma fortunatamente si tratta di un fuoco di paglia: non durerà che qualche giorno almeno al Nord e al Centro, più duratura invece al Sud.

Meteo prossima settimana: arriva il caldo

Finora l’estate 2020 ha avuto tutto sommato pochissime giornate davvero roventi. Il clima è stato caldo, ma nella norma di quello che sono le temperature mediterranee, anzi con nottate anche piuttosto fresche. E’ stata finora un’estate molto piovosa, quello indubbiamente tanto che non si registrava un luglio con così tante precipitazioni da anni. In molti si chiedono se e quando arriverà il gran caldo. Le estate degli ultimi anni ci hanno abituato infatti a giornate bollenti per via dell‘Anticiclone Africano che nella distensione arriva a coprire tutta Italia e a volte a spingersi in buona parte d’Europa. Per il momento questo non è avvenuto, ma gli esperti del meteo concordano nel ritenere che ad agosto la musica potrebbe cambiare e almeno nella prima metà del mese di agosto ce la dovremo vedere con temperature bollenti.

Un primo assaggio di ciò che succederà ad agosto lo avremo da lunedì 20 giugno quando sull’Italia arriveranno masse d’aria bollenti provenienti dall’Africa Sub Sahariana. Tutto lo Stivale attraverserà fra lunedì e mercoledì giornate di tempo stabile e molto caldo, con temporali pomeridiani limitati alle zone alpine e prealpine.

La colonnina di mercurio salirà di almeno 5/6 gradi: fra martedì 21 e mercoledì 22 sono attesi 34 gradi a Roma, Firenze, Milano e Torino; 36 a Bologna e Ferrara e in tutta la Val Padana; 38 gradi nelle zone interne di Sicilia e Sardegna.

Giovedì 23 continuerà il gran caldo e l’afa da Nord a Sud con temperature roventi e picchi anche fino a 40 gradi su Sicilia e Sardegna. Sulle zone alpine e prealpine però i temporali si faranno più frequenti e intensi tanto che non sono esclusi sconfinamenti nelle zone di pianura e ciò è il segnale di un cambiamento che si manifesterà poi il giorno seguente.

Infatti venerdì 24 la parentesi bollente al Nord si chiuderà a suon di temporali che saranno anche violenti per via dello scontro fra l’aria più fresca con quella bollente. Caleranno dunque le temperature al settentrione, mentre al Centro e al Sud proseguirà indisturbato il gran caldo. Sabato 25 il tempo si manterrà perturbato al Nord con possibili precipitazioni, mentre al Centro e al Sud proseguirà il bel tempo. Le temperature però saranno meno roventi con un calo di 3/4 gradi e massime che a Roma non supereranno i 32 gradi.

Domenica 26 luglio sono previste nuove piogge al Nord che potrebbero estendersi anche al Centro, mentre rimarrà stabile la situazione al Sud con cielo soleggiato e temperature elevate.
La Fiammata Africana si concluderà dunque entro la settimana anche al Centro, mentre al meridione proseguirà ancora sebbene sarà in attenuazione.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUomo ucciso a pugni dopo una lite per la fila al supermercato, lascia moglie e figli
Articolo successivoEros Ramazzotti sorprende: “L’amore stravolge tutto”
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.