Mago Ermes in manette: “Abusi su una sua cliente”

Aveva promesso “fatture” per risolvere i problemi di cuore di una sua cliente, salvo poi abusare di lei: con questa accusa è stato arrestato “mago Ermes”. 

Facendo leva sul suo potere di “mago” avrebbe abusato sessualmente di una sua cliente, dopo averla invitata a cena e narcotizzata. Questa la grave accusa di cui deve rispondere un 66enne di Santa Maria a Vico (Caserta), noto come “mago Ermes”, arrestato dai Carabinieri su ordine del gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere per violenza sessuale aggravata.

Leggi anche –> Paolo Massari, accusa di violenza sessuale per l’ex assessore della giunta Moratti 

Leggi anche –> Shaila Gatta accusa l’ex fidanzato di violenza: lui si difende così

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le promesse e le violenze di Mago Ermes

I fatti imputati a “mago Ermes” risalirebbero a luglio 2019, quando i Carabinieri vennero a conoscenza di quanto accaduto alla donna, residente a Napoli ed avviarono le indagini. Ad avvertire i militari furono i medici di Maddaloni (Caserta) e dell’ospedale San Paolo di Napoli, in cui la vittima fu curata dopo aver perso conoscenza due volte mentre tornava a casa in auto, reduce da una notte trascorsa nell’abitazione del mago. In ospedale fu infatti accertata la presenza nel corpo della donna di benzodiazepine.

La poveretta accennò poi a una cena a casa di “mago Ermes”, confessando però di non ricordare più nulla. A quel punto i Carabinieri disposero una serie di esami per accertare la presenza di tracce biologiche sul corpo e sugli indumenti della donna ed ascoltarono sua figlia, che la descrisse come una cliente abituale del mago. Quest’ultimo le aveva promesso, attraverso rituali e sortilegi, e dietro il pagamento di denaro, di risolvere i suoi problemi sentimentali. Non solo: le avrebbe anche chiesto più volte prestazioni sessuali, e lei si sarebbe sempre rifiutata, salvo poi accettare quell’invito a cena. Dall’ospedale gli esiti degli esami hanno confermato la violenza sessuale. Quindi i Carabinieri hanno intercettato le telefonate del 66enne, sequestrandogli il cellulare. Per tutte queste ragioni il Gip ha deciso di emettere la misura cautelare.

EDS

Esperimento Kentler