Home News Dentista che uccise il leone Cecil torna alla caccia: morte oscena

Dentista che uccise il leone Cecil torna alla caccia: morte oscena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:25
CONDIVIDI

Il cacciatore americano che uccise il leone Cecil cinque anni fa ha ucciso un altro esemplare in via d’estinzione. Si attendono terribili conseguenze.

Il dentista che ha ucciso Cecil il leone, a quanto si dice, ha guadagnato 80mila sterline durante un’altra battuta di caccia. L’americano Walter Palmer, 60 anni, avrebbe ucciso un enorme ariete in Mongolia conosciuto come Altai argali, il più grande tipo di pecora del mondo. Palmer e il suo amico Brent Sinclair, insieme in Mongolia, hanno incontrato alcuni locali prima di dirigersi verso le montagne per rintracciare la preda. Sembra che l’animale sia stato ucciso da una freccia lanciata da circa 30 metri di distanza, riferisce il Daily Mirror. Secondo quanto riferito, Palmer si rifiuta di cacciare con un fucile e usa invece arco e frecce. Si dice che passi ore a esercitarsi nella sua casa da un milione di dollari a Eden Prairie, vicino a Minneapolis.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Selfie “sensuale” con il leone ucciso: coppia linciata sul web

Walter Palmer, lo stesso cacciatore sotto accusa per la morte del leone Cecil

Palmer avrebbe mostrato la sua preda in una nuova foto, con il volto nascosto alla vista. Sinclair, l’amico, non ha fatto il suo nome sui social media, ma lo ha chiamato “amigo” e ha scritto su Facebook: “Ho prenotato più battute di caccia con questo ragazzo negli ultimi 20 anni di quante ne possa contare. Insieme, abbiamo viaggiato in molte parti del mondo”. Ha aggiunto: “Grazie, Amigo per l’avventura… non vedo l’ora che arrivi la prossima”. The Mirror ha parlato con Palmer mentre usciva da un bar di Bloomington, Minnesota, dopo aver pranzato presto. All’inizio ha sorriso, ma il suo volto si è trasformato in rabbia quando gli sono state mostrate le foto della sua caccia in Mongolia. Ha rifiutato di parlare e se n’è andato via con la sua Porsche Cayenne Turbo da 95.000 sterline.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Ragazza sbranata da leone mentre lavorava, aveva 22 anni 

Parlando dell’ultimo omicidio, la dott.ssa Teresa Telecky, vice-presidente per la fauna selvatica della Humane Society International, ha raccontato al Mirror: “L’ariete argali è una specie in pericolo di estinzione, quindi l’idea che questi animali possano essere uccisi per piacere è ripugnante”. E ha continuato: “L’uccisione di Cecil il leone cinque anni fa ha causato uno shock internazionale. Ma è chiaro che l’uccisione per diletto continua. È ora che la legge fermi gli assassini della fauna selvatica sulle loro tracce, vietando la caccia ai trofei”. Palmer era con Sinclair anche quando ha ucciso Cecil il leone, cinque anni fa. La magnifica creatura era un’enorme attrazione nel parco nazionale di Hwange, in Zimbabwe. Il leone era stato ferito con una freccia, poi rintracciato e ucciso con un secondo dardo la mattina seguente, circa 12 ore dopo. In quel caso la Corte ha convenuto con la difesa: l’omicidio del leone non poteva essere considerato un crimine, perché l’americano aveva un permesso legale per cacciare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!