Home News Selfie “sensuale” con il leone ucciso: coppia linciata sul web

Selfie “sensuale” con il leone ucciso: coppia linciata sul web

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:58
CONDIVIDI

La singolare foto scattata e pubblicata da una coppia canadese ha suscitato una valanga di attacchi sul web: ecco perché. 

Prima hanno catturato l’animale nel corso di un safari. Poi, pensando che quel momento andasse in qualche modo celebrato, si sono fatti fotografare dietro alla carcassa del povero animale, intenti a scambiarsi un appassionato bacio. Lo scatto ha presto fatto il giro del web e la coppia in questione è stata travolta da una valanga di attacchi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La foto romantica in barba al leone morto

Come accennato, il leone è stato ucciso in un safari di caccia grossa in Sudafrica, e i due amanti-cacciatori Darren e Carolyn Carter, di origine canadese, hanno festeggiato l’evento con un bacio proprio dietro la carcassa dell’animale. La foto incriminata è stata poi postata sulla pagina Facebook di Legelela Safaris, la compagnia locale che ha organizzato la spedizione, ed è subito partita una valanga di critiche e attacchi.

Oltretutto, i due canadesi (che nella vita sono imbalsamatori) non hanno dovuto fare molta fatica per uccidere l’animale, dal momento che non viveva libero nella savana ma in cattività. La manager dell’associazione sudafricana “Voice 4 Lions” Lindk Park ha infatti assicurato che il leone si trovava in uno spazio recintato. E invece nel commento al post (poi rimosso) su Facebook si legge: “Duro lavoro sotto il sole del Kalahari, ben fatto. Un leone spaventoso”. Insomma, oltre al danno anche la beffa.

Eduardo Goncalves, della campagna Ban Trophy Hunting, ha commentato l’immagine con parole dure e severe: “Sembra un animale addomesticato, allevato per diventare oggetto di un abominevole selfie. Questi due dovrebbero vergognarsi”. Darren Carter, invece, non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione, limitandosi a definire la polemica “una faccenda politica”. Con buona pace del leone.

EDS