Home Dove, come e quando Smart working alle Barbados: ‘venite a lavorare da noi’

Smart working alle Barbados: ‘venite a lavorare da noi’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:13
CONDIVIDI

L’offerta è valida per tutti coloro che lavorano da casa con il pc: l’isola tropicale li attende

Con la pandemia in moltissimi hanno iniziato a lavorare da casa e anche ora che la situazione, almeno in Italia, è più sotto controllo lo smart working è ancora ampiamente utilizzato. E i lavoratori stanno sempre più apprezzando questa modalità. Dopo un po’ di tempo anche la casa diventa un ufficio e si guarda dalla finestra sognando di andare altrove. Il grande vantaggio dello smart working è proprio che si può fare da ovunque nel mondo. Basta un pc e una connessione internet. Si può lavorare perfino stando sdraiati su un’amaca in spiaggia a Barbados. Sembra un sogno, vero? Invece è realtà. Il Primo Ministro di Barbados Mia amor Mottley ha invitato tutti gli smart worker a trascorrere un anno nell’isola dei Caraibi.

Smart working a Barbados

Barbados è un’isola tropicale, si trova nei Caraibi, ed è uno di quei luoghi da cartolina con spiagge bianche, palme e mare turchese. Un vero e proprio paradiso in terra dove migliaia di fortunati turisti ogni anno vanno a trascorrere giorni idilliaci. Ma dallo scorso marzo a Barbados di turisti non se ne sono più visti. La pandemia ha infatti bloccato tutto e per un Paese in cui il turismo rappresenta il 40% del PIL e impiega un terzo della forza lavoro è una vera e propria catastrofe.

Per risollevare le sorti di Barbados il Primo Ministro Mia Amor Mottley ha invitato tutti gli smart worker del mondo a trasferirsi nel Paese per un anno. Dal 12 luglio, data in cui verranno riaperte le frontiere, riattivato l’aeroporto internazionale e verranno ripristinati i voli, chi vorrà potrà entrare di nuovo liberamente nel Paese. Gli smart worker godranno però di un privilegio in più. Gli verrà infatti concesso un visto speciale della durata di 1 anno. L’iniziativa si chiama ‘Barbados Welcome Stamp’ e consente se si desidera anche di uscire e rientrare nel Paese oppure di restare per tutti i 12 mesi nel paradiso delle Antille.

Ulteriori dettagli sull’iniziativa non sono stati ancora resi noti, ma se lavorate in smart working non sarebbe una cattiva idea  iniziare a programmare il viaggio. I casi di coronavirus nel Paese sono stati pochi e la situazione appare ora decisamente sotto controllo: 98 casi totali su una popolazione di 287 mila persone.

Barbados è una nazione indipendente del Commonwealth tanto che i cittadini britannici per entrare nel Paese non devo richiedere il visto. Per i cittadini europei, italiani compresi ovviamente il visto è necessario solo per soggiorni superiori ai 90 giorni. Per viaggi di durata inferiore è sufficiente il passaporto e un biglietto aereo di ritorno. Lavorare su una spiaggia tropicale è tutt’altra cosa che stare al pc sul tavolo di casa.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRon, la verità sulla relazione con Lucio Dalla: era solo amicizia?
Articolo successivoCaos Lazio: dopo la sconfitta col Sassuolo rissa sfiorata nello spogliatoio
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.