Barbara Bouchet, il dolore per la sorella scomparsa: “Vivevamo in simbiosi”

Ospite di Pierluigi Diaco ad ‘Io e te’, l’attrice Barbara Bouchet ha confidato al conduttore il dolore provato quando ha perso la sorella.

Dopo una lunga carriera di successo come attrice, Barbara Bouchet si gode il successo del figlio come cuoco conduttore più trasmesso in tv. Non molti sanno, infatti, che la bella attrice Ceca di origini tedesche è la madre di Alessandro Borghese, uno dei cuochi vip di questo periodo. Sebbene si goda il ritiro dalle scene facendo da nonna alla sue due nipoti, Barbara ha vissuto negli ultimi anni dei traumi che difficilmente potrà superare del tutto.

Leggi anche ->Luigi Borghese, chi era il marito di Barbara Bouchet: storia, vita e carriera

Il primo evento traumatico è stato nel 2016, quando il marito Luigi Borghese è venuto a mancare. Ad oggi non è stata comunicata la causa della sua morte dalla famiglia che ha preferito mantenere il riserbo su un aspetto così privato della loro vita. Il secondo evento traumatico si è verificato nell’ottobre del 2018, quando Barbara ha perso la sorella.

Leggi anche ->Chi è Barbara Bouchet: età, vita privata, figli, carriera dell’attrice

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Barbara Bouchet rivela il dolore provato per la scomparsa della sorella

Ospite di Pierluigi Diaco nella trasmissione ‘Io e te’ nel 2019, la sempre bella Barbara ha spiegato al conduttore di aver avuto sempre un rapporto speciale con la sorella. Dopo la scomparsa di Luigi, le due si erano unite ancora di più e per circa due anni hanno vissuto quasi in simbiosi. Quando è morta, dunque, l’attrice si è trovava nuovamente nella scomoda posizione di dover rimanere da sola.

Nel raccontare il rapporto con la sorella e la mancanza che ha causato la sua morte, Barbara trattiene a fatica la commozione. Successivamente si complimenta con il conduttore per il programma. Nel motivare i complimenti l’attrice spiega che quello è uno dei pochi programmi in cui si può discutere amabilmente di sentimenti senza che ci siano toni esacerbati.