Home News Luigi Borghese, chi era il marito di Barbara Bouchet: storia, vita e...

Luigi Borghese, chi era il marito di Barbara Bouchet: storia, vita e carriera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:01
CONDIVIDI

Conosciamo meglio la storia di Luigi Borghese: ecco tutte le curiosità sulla carriera e vita privata del padre dello chef Alessandro

Luigi Borghese

Luigi Borghese è stato un grande attore, molto famoso negli anni Sessanta. Scomparso nel febbraio 2016 è stato il marito di Barbara Bouchet, padre del famoso chef Alessandro Borghese e di suo fratello Massimiliano. L’uomo è stato un grande attore di successo negli anni ’60 e non solo. Inoltre è stato anche un grande imprenditore e produttore, venendo anche ricordato per alcune commedie erotiche di successo da lui prodotte tra gli anni ’70 ed ’80 come “Spaghetti a mezzanotte” con Lino Banfi. Ha trasmesso la passione per Napoli, la sua città, infondendola anche a suo figlio Alessandro.

In una vecchia intervista lo stesso figlio dell’attore lo ha raccontato: “Da buon napoletano, ha fatto davvero tutti i lavori: prima venditore porta a porta, poi banditore d’aste e infine imprenditore. Lui però è anche colui che mi ha fatto scoprire l’amore per la cucina: era un cuoco della domenica, ma sapeva cucinare davvero bene. Era davvero un uomo d’altri tempi, non amava comprare cose nuove, aveva sempre gli stessi mocassini e li faceva risuolare. Ricordo che ordinava maniacalmente gli abiti secondo i colori e amava le cravatte, gliene regalavo sempre una per il compleanno”.

LEGGI ANCHE >>> Domenica Live, ascolti, anticipazioni e ospiti di oggi 8 Marzo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Luigi Borghese chi era: le curiosità

Il racconto di Alessandro su suo padre Luigi prosegue: “Lui era il mio supereroe. Mi piaceva molto viaggiare in macchina con lui, gli facevo da co-pilota. Papà veniva da una famiglia con una grande tradizione motoristica: mio nonno, Vincenzo Alessandro, che purtroppo non ho mai conosciuto, aveva anche una scuderia motociclistica. Papà mi insegnò anche a guidare la macchina quando avevo nove anni: la spostava fuori dal garage e se sbagliavo a mettere la prima e farla partire, se ne riparlava la settimana successiva”.

Luigi Borghese