Lutto nel mondo del calcio: morto Giuseppe Rizza ex stella della Juve

Nelle prime ore della mattina di oggi è morto Giuseppe Rizza, calciatore professionista ed ex stella della primavera della Juventus.

Si è spento nelle prime ore di questa mattina Giuseppe Rizza, calciatore che aveva compiuto da poco 33 anni. Il difensore scuola Juventus era ricoverato all’ospedale Cannizzaro di Catania dallo scorso 10 giugno. A causa di un urto, infatti, aveva riportato una grave emorragia cerebrale.

Leggi anche ->Lutto nel calcio femminile: muore a 21 anni Arianna Varone

Un trauma per il quale i medici avevano manifestato un cauto ottimismo: dopo quasi due settimane di coma farmacologico, Giuseppe era stato risvegliato il 22 giugno. Sembrava che le sue condizioni stessero migliorando, anche se ancora non gli permettevano di uscire dalla terapia intensiva. Poi l’improvviso peggioramento che non ha permesso ai medici di salvargli la vita.

Leggi anche ->Calcio in lutto, morto Pierino Prati: l’ex calciatore aveva 73 anni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Giuseppe Rizza, la primavera della Juventus e la carriera professionistica

Cresciuto a pane e calcio come molti ragazzi italiani, Giuseppe Rizza aveva mostrato un talento fuori dal comune, tanto da spingere la Juventus a puntare su di lui sin da quando era solamente un ragazzino. Il percorso nelle giovanili torinesi aveva fatto ben sperare e quando Giuseppe era giunto nella squadra primavera (quella che precede il team professionistico), sembrava che avesse tutte le carte in regola per una carriera di ottimo livello. Con la formazione giovanile ha anche conquistato la Supercoppa Italiana del 2006.

Il passaggio tra i professionisti è stato più complicato del previsto. Giuseppe è stato venduto alla Juve Stabbia in Serie C e dopo un solo anno tra i professionisti si era guadagnato l’interesse del Livorno, con il quale ha disputato un campionato di Serie B. In Toscana credevano nel suo talento e lo hanno girato in prestito all’Arezzo, al Pergocrema e alla Juve Stabia. In quegli anni Giuseppe, però, non è riuscito a mostrare segnali di crescita ed il Livorno lo ha ceduto alla Nocerina.

Quello a Nocera è stato il suo ultimo anno tra i professionisti. Negli anni successivi ha giocato tra i dilettanti e in questa stagione si trovava nella formazione siciliana della Rinascita Netina, di cui era il capitano e leader.