Home News Roberta Agosti: la ciclista moglie di Marco Velo investita e uccisa

Roberta Agosti: la ciclista moglie di Marco Velo investita e uccisa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:23
CONDIVIDI

La ciclista 50enne Roberta Agosti, moglie dell’ex professionista e gregario di Pantani, Marco Velo, investita e uccisa da un camion.

(Facebook)

Roberta Agosti, 50 anni, tesserata per il Team Millennium, è la vittima di un grave sinistro stradale avvenuto poco fa. La donna, ciclista e moglie dell’ex professionista Marco Velo, è stata investita da un camion nel bresciano. Il tragico incidente è avvenuto a Castel Venzago, nelle campagne di Lonato.

Leggi anche –> Torino, scontro auto-camion: muore un ciclista

A quanto pare, alla scena ha assistito anche il marito, che era nella carovana che si stava allenando in quel momento. Una grave tragedia che quindi colpisce il mondo dello sport. La donna, stando a quanto si apprende, è di fatto deceduta sul colpo.

Leggi anche –> Marco Pantani, la tesi del pusher sulla morte del ciclista – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La tragica morte di Roberta Agosti, moglie di Marco Velo

All’arrivo dei soccorsi del Suem 118 infatti era già morta e a nulla sono valsi i tentativi di soccorrerla immediatamente attuati dai presenti. La ciclista è stata travolta e uccisa da un camion-cisterna per il trasporto per il latte. L’incidente mortale è avvenuto nel tratto tra il Santuario della Madonna della Scoperta e Lonato, in località Castel Venzago. Qui sembra che la strada si restringa.

Classe 1974, attuale assistente di Davide Cassani, Marco Velo è stato a partire dalla seconda metà degli anni Novanta un discreto gregario prima di Marco Pantani, quindi di Stefano Garzelli e infine di Alessandro Petacchi, a cui ha aperto tantissime volate di gruppo, contribuendo ai suoi successi. Tanti i messaggi di cordoglio per la morte di Roberta Agosti. Un suo amico scrive su Facebook: “Quando una cara amica perde la vita, in maniera assurda, non ci sono parole. Raramente scrivo necrologi, ma questa volta voglio salutarti…”.