Home News Muore il bimbo di 10 anni ustionatosi durante un esperimento di scienze

Muore il bimbo di 10 anni ustionatosi durante un esperimento di scienze

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:03
CONDIVIDI

Il piccolo Riccardo, bimbo di 10 anni ustionatosi durante un esperimento di scienze effettuato in casa è morto un dopo un mese di ricovero.

Non ce l’ha fatta il piccolo Riccardo. Il bimbo di Collegno era ricoverato da circa un mese nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Regina Margherita di Torino. Vi era finito lo scorso 29 maggio, dopo che un’esperimento di chimica provato in casa era finito male.

Leggi anche ->Bimbo di 11 anni si dà fuoco durante un esperimento di chimica: è grave

Il piccolo si trovava a casa ormai da mesi a causa del lockdown e della fine anticipata della scuola. Per passare il tempo in modo costruttivo, dunque, stava studiando la chimica, materia che lo appassionava. Quella sera stava cercando di portare a termine quello che è conosciuto come ‘L’esperimento del Faraone‘ che consiste nel mescolare bicarbonato, sabbia, zucchero e alcol.

Leggi anche ->Pescara, 76enne fa il bagno con la mascherina: “Ho rischiato di annegare”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bimbo di 10 anni ustionatosi durante un’esperimento in casa, muore in ospedale

Mentre mescolava gli elementi è partita una fiammata che ha investito tutto il suo corpo. Le urla del piccolo Riccardo hanno immediatamente allertato la madre che ha cercato di spegnere le fiamme con l’ausilio di un vicino, il quale, allertato anch’esso dalle urla, era giunto per dare una mano. Successivamente sono giunti i soccorsi ed il bambino è stato portato in ospedale d’urgenza.

Nonostante il tempestivo intervento della madre, del vicino e dei soccorritori, l’incidente aveva causato ustioni sul 60% del corpo di Riccardo. Sin dall’arrivo in terapia intensiva si era capito che le sue condizioni erano gravissime, ma la speranza era che il piccolo riuscisse a riprendersi. Purtroppo, però, dopo un mese di atroce agonia sul letto d’ospedale, il cuore del bimbo ha smesso di battere.