Davide Lanzafame, l’attaccante ex Juve riscoperto da Emigratis

Chi è Davide Lanzafame, l’attaccante ex Juve riscoperto da Emigratis: carriera e curiosità, dove gioca dopo aver lasciato l’Italia.

(GIUSEPPE CACACE/AFP via Getty Images)

Classe 1987, ala destra con una lunga carriera alle spalle in Italia, Davide Lanzafame, nato a Torino da madre torinese e padre siciliano, da diversi anni gioca nel campionato ungherese. Anzi, in terra magiara sta vivendo una seconda giovinezza.

Leggi anche –> Musicomio: la band scoperta dalla trasmissione Emigratis

Ha vinto due scudetti con le maglie di Honvéd (2016-17) e Ferencváros (2018-19) ed è stato due volte consecutive capocannoniere (2017-18 e 2018-19), diventando anche calciatore dell’anno in un’occasione. I numeri sono importanti 72 gol su 99 in carriera li ha realizzati in Ungheria.

Leggi anche –> Zdenek Zeman, che fine ha fatto l’allenatore del Foggia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Carriera e curiosità sull’attaccante Davide Lanzafame

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Grazie a Honvéd e Ferencváros ha anche la possibilità di cimentarsi con le coppe europee e a realizzare quattro gol in nove presenze tra Champions League ed Europa League. In un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’, ha spiegato di trovarsi molto bene in Ungheria: “A Budapest mi trovo bene, offre tantissimo dal punto di vista dei servizi, ci sono tanti italiani; ogni tanto ho nostalgia di casa, ma dopo 3 anni e mezzo mi sono adattato. Nel tempo libero cresco le bimbe, fanno la scuola inglese, vado in giro per la città bellissima e i ristoranti, vita privilegiata, lo so”.

Il gioiello ex Bari, Palermo e Grosseto, cresciuto nel vivaio della Juventus, è stato ‘rintracciato’ da Pio e Amedeo durante la seconda edizione della trasmissione Emigratis e a loro si è raccontato. A maggio 2020, un’intervista di Lanzafame al Corriere dello Sport ha suscitato molte reazioni polemiche per la difesa del premier ungherese Viktor Orban L’attaccante lo ha definito “uno con le idee chiare” che “va controcorrente rispetto ad una certa Europa”.