Sanità Lombardia | Fontana rimuove Cajazzo | al suo posto Crivelli

Alla guida della Sanità Lombardia non c’è più Luigi Cajazzo. Il governatore Attilio Fontana nomina Marco Trivelli al suo posto “per dare una scossa”.

Sanità Lombardia
Luigi Cajazzo via dalla guida della Sanità Lombardia per scelta di Fontana Foto dal web

Cambio al vertice della Sanità in Lombardia. Il governatore Attilio Fontana ha rimosso dal proprio incarico Luigi Cajazzo. Quest’ultimo, ex poliziotto della Squadra Mobile di Lecco, riceverà un nuovo compito.

LEGGI ANCHE –> Fauci seconda ondata | “Il virus tornerà | almeno un anno per la normalità”

Al posto del 51enne Cajazzo – che ricopriva la sua posizione da maggio del 2018 – arriva Marco Trivelli, 56enne dotato di una lunga e proficua esperienza manageriale alla guida di alcune delle più importanti strutture ospedaliere della Regione. L’arrivo di Trivelli a capo della Sanità in Lombardia avviene con un retaggio di manager dell’ospedale Niguarda di Milano e degli Spedali Civili di Brescia. La notizia giunge in maniera un pò inaspettata, considerando che fino a pochi giorni fa l’assessore alla Sanità della Regione, Giulio Gallera, negava qualsiasi ipotesi di avvicendamento in merito. Ma a quanto pare Fontana avrebbe intenzione, con questa mossa, di dare un segnale forte in vista della Fase 3, dopo le non poche polemiche che hanno investito la Lombardia in merito alla gestione della epidemia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Allarme inquinamento: le mascherine e i guanti per decomporsi impiegano fino a 400 anni

Sanità Lombardia, “controllo dell’epidemia sul territorio fatale a Cajazzo”

È proprio lì che si concentrano la maggior parte degli infetti delle vittime in Italia. In molti ritengono che il fallimento del controllo dell’epidemia sul territorio sia evidente. E che proprio questo sarebbe da ritenere la causa principale della rimozione di Cajazzo. Poi Fontana in persona, nel corso di un’intervista concessa al ‘Corriere della Sera’, ha ammesso di avere “trascurato i medici di famiglia, che a settembre verranno rivalutati in un importante piano già concepito. Loro sono il nostro primo presidio sanitario e questo rapporto andrà rinforzato”.

LEGGI ANCHE –> Virus, nuovo studio: ecco quanto tempo rimane sulle superfici