Home Dove, come e quando Maldive, riaperture: quando potremo tornare

Maldive, riaperture: quando potremo tornare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:46
CONDIVIDI

Viaggi internazionali e Maldive: ecco quando si potrà andare

maldive
Quando potremo andare alle Maldive?

Il paradiso in terra riapre le sue porte ai viaggiatori. Le Maldive dopo il lockdown si stanno preparando per riaccogliere i turisti, ma lo faranno con estreme misure precauzionali. Ciò significa che noi italiani dovremo sospirare ancora un po’ prima di poter tornare alle Maldive. Il piccolo stato dell’Oceano Indiano ha infatti un sistema sanitario molto fragile e un’epidemia sarebbe un’immane catastrofe. Per questo l’ingresso alle Maldive sarà dapprima consentito ai viaggiatori provenienti da Paesi a basso rischio epidemiologico e l’Italia non è ovviamente fra questi.

L’Italia intanto è pronta a riaprire le sue frontiere all’Europa dal 3 giugno, mentre per i viaggi internazionali bisognerà aspettare il 15 giugno. Ma gli italiani non potranno comunque viaggiare ovunque: ci sono ancora molti Paesi che applicano misure restrittive agli ingressi.  Per luglio e agosto la situazione dovrebbe però migliorare e le vacanze per l’estate 2020 si potranno quindi fare in diversi Paesi all’estero. Ma non alle Maldive.

Maldive, quando potranno entrare gli italiani

Il turismo è la principale fonte di sostentamento per i maldiviani e rinunciarvi costa moltissimo in termini economici, ma è altrettanto fondamentale assicurare la salute ai residenti. Per questo le Maldive apriranno gradualmente le loro frontiere e inizieranno a farlo già da quest’estate. Oltre a una suddivisione per nazionalità si pensa anche a una sorta di passaporto sanitario, ovvero l’obbligo di presentare nella richiesta del visto il test sierologico per la ricerca del Sars-Cov-2. I tempi però fra la richiesta, la concessione del visto e la partenza potrebbero rendere obsoleto il test. In attesa di capire se è sostenibile qualche altro modo di indagine, si procede per gli ingressi contingentati.

I primi turisti a poter rimettere piede alle Maldive dovrebbero essere i cinesi, seguiti da indiani e australiani. Si punterà dapprima sui Paesi del blocco asiatico e solo dopo qualche mese potranno entrare quelli del blocco occidentale. L’Europa entrerà alle Maldive presumibilmente solo a dicembre 2020 o a gennaio 2021. Per Natale dunque gli italiani potranno tornare nel paradiso terrestre delle Maldive. Ovviamente queste previsioni sono suscettibili di cambiamento i base all’evoluzione della pandemia.

All’Italia dunque sarà concesso di entrare alle Maldive in quello che climaticamente il periodo migliore. Infatti sebbene il Paese sia visitabile tutto l’anno la stagione secca è quella da metà dicembre a metà aprile quando le possibilità di formazione di temporali diminuisce. E in particolar modo meglio ancora sono i mesi di febbraio e marzo dove le precipitazioni diventano rare e quando accadono sono brevi e poco intense. I cambi di stagione sono i momenti del passaggio dei cicloni tropicali, quindi sarebbe meglio evitarli.

Insomma, se state pensando di andare alle Maldive organizzatevi per febbraio 2021. Non dovrebbero esserci problemi per entrare e potrete godervi le Maldive nel loro momento migliore.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAndrea Bocelli: “Ho avuto il Coronavirus, ora dono il plasma” – VIDEO
Articolo successivoSaturnia riapre le porte ai visitatori: ecco cosa sapere
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.