Home News Giovanni Impastato, chi è il fratello di Peppino che ha portato avanti...

Giovanni Impastato, chi è il fratello di Peppino che ha portato avanti la sua lotta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:24
CONDIVIDI

Giovanni Impastato è il fratello minore di Peppino: sin dalla morte del fratello ne ha portato avanti eredità ed ideali, continuando la sua lotta alla mafia.

Nato nel 1953 a Cinisi, Giovanni è il terzo figlio di Luigi Impastato e Felicia Bartolotta. Il suo nome è stato anche quello del fratello morto un anno prima a soli 3 anni. Aveva solamente 25 anni quando la mafia ha commissionato l’omicidio del fratello maggiore. Prima di quel momento condivideva gli ideali del fratello, ma non aveva avuto la spinta per affiancarlo in quella difficile lotta. L’omicidio, però, l’ha convinto che non era più possibile sottostare a quel clima di terrore.

Leggi anche ->Peppino Impastato, chi era: storia del giornalista ucciso dalla mafia

Giovanni Impastato, insieme alla mamma Felicia, è diventato il punto di rifermento per tutti coloro che non accettavano più di rimanere in silenzio di fronte alle nefandezze della mafia. Ispirato dalla vita e dall’esempio di Peppino, il ragazzo siciliano è stato uno dei promotori del cambiamento di mentalità che ha condotto quella generazione di siciliani a sollevare la testa. Proprio la sua testimonianza e la sua collaborazione con il Centro Siciliano di Documentazione di Palermo sono stati fondamentali per dimostrare la matrice mafiosa dell’assassinio del fratello.

Leggi anche ->Felicia Impastato: la vera storia della donna che lottò contro la mafia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Giovanni Impastato e l’impegno contro la mafia

Nel 1970 proprio il Centro Siciliano organizza insieme a Giovanni la prima manifestazione anti mafia d’Italia, parteciperanno in 2000 persone. La manifestazione viene ripetuta ogni anno il 9 maggio, giorno in cui Peppino è stato assassinato. Dal 1980 sino al 2002, gran parte dell’impegno di Giovanni è stato rivolto al processo per l’omicidio del fratello. Nel 1984 infatti viene confermata la matrice mafiosa dell’assassinio, ma viene attribuito ad ignoti. Solo nel 1996, quando Vito Palazzolo indica in Badalamenti il mandante dell’assassinio Impastato si procederà contro il boss di Cinisi per l’omicidio. La condanna giungerà nel 2002.