Rush, la vera storia di Niki Lauda e del rivale James Hunt – VIDEO

La vera storia di Niki Lauda, campione della Ferrari, e del rivale James Hunt nel film Rush diretto da Ron Howard: alcune curiosità.

 

Un sincero omaggio al grande Niki Lauda, il campione della Formula 1 scomparso un anno fa, e al suo storico rivale James Hunt: questa la trama di Rush, il film sugli anni d’oro dell’automobilismo e due campioni leggendari.

Leggi anche –> Rush, chi è Daniel Bruhl: l’attore interpreta Niki Lauda

La pellicola si concentra sul 1976, anno in cui i due diedero vita a un duello incredibile. Nel cast del film del 2013 diretto da Ron Howard  e basato su una sceneggiatura di Peter Morgan c’è anche Pierfrancesco Favino.

Leggi anche –> Chi era Niki Lauda: carriera e vita privata del pilota Ferrari – VIDEO

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Storia e finzione: la vita di Niki Lauda e il film Rush

La vera storia del film Rush rivela che Lauda era noto come “The Rat” per i suoi denti sporgenti. L’attore Daniel Brühl, che interpreta Lauda nel film, ha dovuto inserire delle protesi dentarie per assomigliare al grande campione. Il campione scomparso un anno fa viene descritto dal film come estremamente serio, ma egli stesso aveva smentito, anche se le differenze con James Hunt sono evidenti: “Non avrei mai bevuto prima di una gara. Certamente dopo, dovevo. Ogni gara avrebbe potuto essere la mia ultima”.

Nel film, si racconta quanto accaduto nel Gran Premio di Spagna del 1976, con la squalifica di Hunt perché la sua vettura era stata trovata troppo larga di 1,8 centimetri. McLaren e Hunt fecero appello alla decisione, sostenendo che la differenza non aveva influito sulle prestazioni della vettura, alla fine il pilota venne reintegrato in classifica, insieme ai punti che gli erano stati tolti. Inoltre, James Hunt viene descritto dal film come una sorta di playboy, particolare che il pilota non ha mai negato. Anzi, James Hunt ha ammesso di aver approfittato dei vantaggi di essere una superstar di Formula Uno. Ha affermato di aver dormito con più di 5.000 donne, spesso facendo sesso prima di mettersi al volante per una gara.