Mamma malata terminale dice addio per sempre alle sue figlie: “Non voglio che soffrano”

Una mamma malata terminale ha deciso di allontanarsi da casa e passare il tempo che le resta in clinica lontano dalle figlie.

La vita di Jennifer Bell, mamma di due bimbe che ha da poco compiuto 29 anni, è cambiata drammaticamente quando due anni fa le hanno diagnosticato una malattia del motoneurone. Si tratta di un gruppo di malattie neuro degenerative tra cui anche la sla, che nel suo caso ha avuto uno sviluppo molto rapido. I medici infatti nel 2019 le hanno dato appena un anno di vita.

Leggi anche ->Simona, mamma di 2 figli, perde la sua battaglia contro il Coronavirus

In questi ultimi due anni Jennifer ha ottenuto la laurea in scienze infermieristiche, ha dato alla luce alla sua secondogenita Kacey, riuscendo persino a partecipare alla festa per il suo primo compleanno e a quella per il nono della figlia più grande Georgia. Adesso, però, sente che è giunto il momento di lasciare la casa e dire addio alle sue piccole. L’infermiera ha infatti deciso che passerà l’ultimo mese di vita alla Clinica “Marie Curie” di Glasgow.

Leggi anche ->Mamma 33enne va dal medico per un mal di stomaco e scopre che sta morendo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mamma malata terminale saluta le figlie: “Voglio che abbiano solo buoni ricordi”

Jennifer è conscia che d’ora in avanti sarà sempre più difficile nascondere alle figlie i sintomi e gli effetti della malattia. Per questo ha deciso di andarsene di casa prima per evitare che le figlie potessero vederla soffrire e portassero per sempre quel ricordo. Intervistata dal Daily Record, questa mamma coraggiosa ha spiegato: “La vita per me adesso è più qualità che quantità. Ho organizzato tutto, scatole di ricordi, regali per matrimoni, regali per il 18° ed il 21° compleanno ed anche per il mio primo nipote. Ho persino pianificato l’organizzazione del mio funerale per proteggere la mia famiglia“.

L’intenzione, dice la donna: “E’ di proteggerli quanto più possibile dal dolore”. La mamma ha comunicato a tutti la sua decisione con una lettera aperta in cui spiega tutto questo, dice che è pronta ad affrontare il capitolo finale della sua vita, ringrazia i cari e chi l’ha sostenuta e aggiunge: “Sono così stanca. Stanca di lottare, ho fatto del mio meglio per darvi tutta me stessa. Ma adesso è tempo di proteggere le mie bambine, meritano di ricordarsi di me e non della malattia”.