Mamma 33enne va dal medico per un mal di stomaco e scopre che sta morendo

0
4

Una mamma di 33 anni dovrà presto dire addio alle sue bimbe: andata dal medico per un mal di stomaco ha scoperto che le resta un mese di vita.

La storia di Tara Mason, mamma di appena 33 anni, è di quelle che lascia un peso insostenibile nell’animo. Questa ragazza ha scoperto di avere un tumore all’ultimo stadio ai polmoni, al fegato e all’intestino per il quale non c’è nulla da fare. La scoperta è stata fatta casualmente; Tara per alcuni giorni ha avuto un forte mal di stomaco ed ha deciso di farsi visitare dal medico di base. I medici non hanno compreso subito di cosa si trattasse, le hanno fatto una serie di esami e per sei mesi non si veniva a capo dell’origine di quei dolori. Alla fine si è scoperto che la giovane donna era in condizioni di salute molto gravi.

Leggi anche ->Bambina di 8 anni esegue un esame agli occhi e scopre un tumore

Purtroppo, vista l’estensione e lo stadio a cui si trova il cancro, il medico è stato costretto a dire alla giovane mamma che non è possibile intervenire in nessun modo. Troppo tardi per procedere con un intervento chirurgico e con la chemioterapia, ormai le resta da vivere solo un mese. Così, dopo la scoperta, Tara è stata ricoverata in un ospizio, nel quale trascorrerà i suoi ultimi giorni e dal quale dovrà dire addio alle sue piccole. Le bambine Tia (13 anni) e Casey (10 anni) dovranno abituarsi all’idea di non avere più la mamma.

Leggi anche ->Morta Elisabetta Imelio dei Prozac+: aveva solo 44 anni, sconfitta da un tumore

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mamma costretta a dire addio alle sue piccole

A parlare della tragedia di Tara e di quella infausta diagnosi è la sorella 23enne Kellie. La giovane ha spiegato al ‘Liverpool Echo‘ che al momento: “Non riesco più a sostenere lo sguardo di mia sorella quando la guardo”. La ragazza ricorda la positività di Tara quando ha cominciato ad avvertire i primi dolori: “Quando tutto è cominciato era convinta che tutto sarebbe andato per il meglio e che sarebbe tornata a passare più tempo con le bambine“. Kellie elogia infine il coraggio della sorella: “Non l’abbiamo mai vista piangere per quello che le è capitato, è sempre stata più preoccupata per le figlie che per sé stessa. Chiunque la conosca continua a lodare la sua forza”.