Home News Caterina Balivo in clinica, fan in ansia: “Forse mi devo operare”

Caterina Balivo in clinica, fan in ansia: “Forse mi devo operare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:39
CONDIVIDI

La conduttrice di ‘Vieni da me’, Caterina Balivo, è andata a farsi visitare in clinica ed ha spiegato ai fan che probabilmente dovrà operarsi.

Sempre molto attiva sui social, ieri Caterina Balivo ha raccontato ai propri fan com’è andata la prima visita post lockdown. La presentatrice Rai ha confessato nelle storie Instagram di aver provato un forte senso d’angoscia ad entrare nella struttura, nonostante tutto fosse iper professionale ed igienizzato: “Oggi, per la prima volta dal lockdown, ho avuto un appuntamento in una struttura privata. La sensazione è stata di super sicurezza ma anche un po’ di angoscia”.

Leggi anche ->Caterina Balivo, il messaggio d’amore: “In questi mesi ti pensavo”

Caterina spiega come proprio le misure di sicurezza dovute al Covid-19 le abbiano dato quella sensazione di ansia e angoscia: “Mascherina, disinfettante, misurazione febbre, distanziamento alla seduta, sguardi sospetti e poca voglia di sorrisi”. Successivamente ha spiegato che nei prossimi mesi potrebbe essere costretta a sottoporsi ad una piccola operazione, nulla di grave: “Ho fatto un’ecografia, ho una ciste. Forse andrà tolta”. Al momento non è escluso che possa asciugarsi con l’estate.

Leggi anche ->Caterina Balivo distrutta dalla morte improvvisa: dolore atroce

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Caterina Balivo: “Questo periodo lo ricorderemo per sempre”

Conclusa la visita nella clinica, la conduttrice si è concessa una passeggiata nel verde ed ha riflettuto sulla situazione che ci troviamo a vivere in questi giorni: “Fatta la mia eco al collo del piede, mi sono fermata a passeggiare tra il verde per ricordarci che è solo una ripartenza, che questo periodo lo ricorderemo per sempre, così come la riscoperta del nostro senso civico“. Quindi conclude dicendo: “Sì, proprio quella disciplina tolta alle scuole medie tanti anni fa e che oggi farà la differenza per il nostro futuro”.