Bambina 5 anni rapita dalla vicina di casa, lei è di nuovo libera e abita vicino a lei

Bambina di cinque anni rapita dalla vicina di casa. Dopo solo un mese lei è di nuovo libera, e vive nella casa accanto a quella della vittima.

Jennifer May-Cunningham, 33 anni, ha offerto a Evie Beal una tazza di tè prima di portarla via e chiuderla nel suo appartamento. Un vicino ha assistito al rapimento e ha allertato la madre della bambina, Naomi Haynes, 24 anni, che si è precipitata a salvare la figlia.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Bambina uccisa | il padre e la matrigna la torturano e la ammazzano

Insieme al padre della piccola, Daniel Beal, 28 anni, Naomi è entrata nell’appartamento di May-Cunningham per salvare Evie, prima che la polizia arrivasse e la arrestasse. Dopo un processo, il 21 aprile May-Cunningham è stata giudicata colpevole di aver detenuto la bambina. Nonostante ciò May-Cunningham ha potuto tornare a vivere nella stessa tenuta, a Chale Green, lasciando la piccola Evie “pietrificata” e “isterica”. Evie e il fratellino Jensen, tre anni, sono stati mandati a vivere con la nonna a Londra, nel bel mezzo dell’attuale pandemia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Naomi, mamma casalinga, ha raccontato: “Mia figlia è completamente traumatizzata. Quando ha saputo che Jennifer era tornata nella tenuta dove viviamo, è caduta a terra, con i brividi… È straziante per me, come sua madre, vederla così spaventata. Sono furiosa con le autorità locali per l’edilizia abitativa, non vogliono assumersi la responsabilità di ospitarla altrove. Anche l’intero quartiere è traumatizzato, la gente ha paura di far giocare i propri figli nei giorni di sole. Ho anche dovuto mettere la mia ragazza in terapia, è una vergogna”.

Bambina di 5 anni rapita da una vicina di casa, lei è di nuovo in libertà

Il 1° marzo Naomi stava facendo le faccende di casa mentre l’ex-partner Daniel portava i loro due bambini al parco locale. Evie era a pochi metri da casa quando May-Cunningham, una vicina di casa, le si è avvicinata e ha invitato la bambina a prendere una tazza di tè. Ha condotto la ragazzina a casa, il tutto è stato ripreso dalle telecamere a circuito chiuso, e poi ha chiuso a chiave. Per fortuna un vicino di casa ha notato il rapimento e ha immediatamente allertato i genitori Daniel e Naomi. “La mia vicina mi ha chiamato, all’inizio non riuscivo a capire quello che diceva”, ha detto Naomi. “È un quartiere molto vicino, dove i bambini sono sempre stati al sicuro a camminare tra le case dei genitori, ma ora non più. Appena ci siamo resi conto che Evie era stata portata via, siamo corsi fuori dalla porta di casa mia e siamo andati dove si trova l’appartamento di Jennifer. Io urlavo e piangevo, era orribile. Tutte le cose peggiori mi passavano per la testa. Temevo che non avrei mai più rivisto la mia bambina. Alla fine siamo riusciti a sfondare la porta proprio quando è arrivata la polizia. Ho afferrato Evie e ho cercato di consolarla, ma non l’ho mai vista così sconvolta. Era spaventata a morte. Mentre la polizia cercava di arrestare Jennifer, lei si è scatenata e ha sputato su tutti loro”. Riferendosi alla vicina di casa racconta: “La gente ha paura di lei, ma non avrei mai pensato che sarebbe arrivata a tanto”.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Scuola, appello di una madre: “Bocciate mia figlia. E’ nel suo interesse”

May-Cunningham è stata rilasciata su cauzione in attesa di processo, ma è stata richiamata in custodia il 12 marzo dopo aver violato le condizioni della cauzione. Il 13 marzo è stata trattenuta in custodia cautelare per un mese prima di un’udienza durante la quale si è dichiarata non colpevole. Poco più di un mese dopo, il 21 aprile, i magistrati l’hanno dichiarata colpevole di aver detenuto la bambina.

I magistrati hanno concesso a May-Cunningham una pena di un mese, oltre al pagamento di una sovrattassa di 122 sterline e di 100 sterline di spese processuali. May-Cunningham è stata rilasciata dopo la sentenza. Naomi ha detto: “Ho ricevuto una chiamata dalla polizia per dire che era stata condannata a un mese di prigione. Ero così sollevata che non avrei dovuto preoccuparmi che Evie vedesse Jennifer per almeno un mese, ma quando sono tornata a casa dopo essere andata a fare la spesa, lei era lì che rideva. Era come se qualcuno mi avesse dato un pugno nello stomaco. Nessuno mi aveva spiegato che, avendo già scontato la sua pena, sarebbe tornata nella tenuta, è stato un tale shock”. E ha aggiunto: “La mia bambina non riusciva a sopportare di vederla di nuovo, soprattutto per il modo in cui ci stava ridacchiando dietro. Non appena siamo tornati a casa è crollata sul pavimento, ha avuto dei contraccolpi e ha iniziato a tremare in modo incontrollabile. Sono furiosa con l’ufficio alloggi per averla fatta tornare. È come se non capissero il significato di quello che è successo: mi ha rubato la bambina”.