Home News Andrea Pennacchi, chi è il Pojana: film, carriera, Propaganda Live

Andrea Pennacchi, chi è il Pojana: film, carriera, Propaganda Live

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:42
CONDIVIDI

Chi è Andrea Pennacchi, carriera e curiosità sull’attore che recita i monologhi del Pojana su Propaganda Live: film e ruoli di successo.

(screenshot video)

Attore teatrale veneto, classe 1969, Andrea Pennacchi è un volto noto al pubblico televisivo soprattutto per i monologhi del Pojana, l’oltranzista padano, che recita ogni venerdì sera in prima serata a Propaganda Live.

Leggi anche –> Fabio Celenza, chi è lo Youtuber e doppiatore di Propaganda Live

Nell’ottobre del 2018, la pagina Facebook ‘This is Racism’ lancia un videoclip di circa 4 minuti, nel quale l’attore padovano tratta il tema del razzismo tra Nord e Sud: il video raccoglie in poche settimane milioni di visualizzazioni e diventa virale.

Leggi anche –> Memo Remigi, chi è: età, vita privata e carriera del cantante

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sapere su Andrea Pennacchi, il Pojana di Propaganda Live

Sul grande schermo, Andrea Pennacchi è invece arrivato nel 2011 nel pluripremiato “Io sono Lì”, di Andrea Segre. Un’altra pellicola interessante in cui ha recitato è “Il colore nascosto delle cose” di Silvio Soldini, quindi in “Resina”, opera prima di Renzo Carbonera, usciti rispettivamente nel 2017 e nel 2018. Per il compianto Carlo Mazzacurati  ha recitato  la parte del Tappezziere nel suo ultimo film, “La sedia della felicità”.

Molti ricordano anche la sua partecipazione in “Suburra” di Stefano Sollima, dove interpreta la parte del corrotto onorevole Mergio. Ha anche recitato in recenti pellicole come “Ricordi?” di Valerio Mieli, “Petra” di Maria Sole Tognazzi, “L’uomo senza gravità” di Marco Bonfanti e “Il mondo sulle spalle”, film tv diretto da Nicola Campiotti e interpretato da Beppe Fiorello. Molte sono le sue partecipazioni anche a fiction e serie televisive. Tra le opere teatrali, c’è la cosiddetta “trilogia della guerra”, composta da “Eroi”, “Trincee: risveglio di primavera” e “Mio padre: appunti sulla guerra civile”.