Terremoto a Roma nella notte: un boato fortissimo

I cittadini di Roma questa notte sono stati svegliati da un boato fortissimo causato da una scossa di terremoto avvenuta a Fonte Nuova.

Questa mattina, alle prime luci dell’alba, una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 (secondo le stime dell’Ingv) e con epicentro a Fonte Nuova (Roma) è stata avvertita da tutta la cittadinanza capitolina. A quanto pare la scossa è stata anticipata da un forte boato che ha svegliato i romani, poi impauriti anche dal successivo tremore.

Leggi anche ->Terremoto a Roma: paura all’alba nella Capitale

La scossa è stata avvertita in tutta la Capitale ed anche nei comuni appartenenti alla Città Metropolitana. Nonostante questo al momento i Vigili del Fuoco e la Protezione Civile non hanno ricevuto segnalazioni riguardanti danni alle abitazioni. Questo perché, nonostante la scossa sia stata avvertita distintamente, non si è trattato di un terremoto di grossa entità. Lo ha specificato poco dopo Pierfrancesco De Milito, capo ufficio stampa della Protezione Civile: “Non parliamo di una forte scossa di terremoto, questa è una magnitudo frequente nel nostro paese. Scosse come queste di magnitudo 3.3 ne registriamo centinaia se non migliaia durante l’anno”.

Leggi anche ->Terremoto Amandola: nuova scossa nel Centro Italia – FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Terremoto Roma, la paura dei cittadini

Sebbene dunque non si possa parlare di una scossa di magnitudo molto forte, i romani questa mattina hanno provato molta paura. In parte per il rumore che ha preceduto la scossa, in parte perché la maggior parte di loro sono stati svegliati dal terremoto: “Investiti da un boato che ci ha svegliati. Zona Roma Est“. Numerosi i commenti su Twitter di persone che hanno ammesso di aver provato paura. Una signora ad esempio ha scritto: “Io, mia madre e mio padre ci siamo svegliati spaventatissimi e mi viene da piangere. Si è mosso tutto ed abbiamo mal di testa… un anno peggiore di questo penso di non averlo mai vissuto”.

terremoto