Home News Renzo Paris, la storia del cameriere romano guarito dal Coronavirus

Renzo Paris, la storia del cameriere romano guarito dal Coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:21
CONDIVIDI

Chi è Renzo Paris, la storia del cameriere romano guarito dal Coronavirus: era in stanza con Edoardo Valli, il medico che non ce l’ha fatta.

(Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Renzo Paris, 52 anni, cameriere in un rinomato ristorante vicino piazza di Spagna, è il primo guarito da Coronavirus all’ospedale di Tor Vergata, Roma. È tornato a casa il 31 marzo, al Villaggio Prenestino, ma ha continuato l’isolamento domiciliare.

Leggi anche –> Coronavirus, rapporto dell’Iss sui pazienti deceduti: “Ecco tutti i numeri”

Ha condiviso la sua stanza con Edoardo Valli, il medico ucciso dal Coronavirus e che aveva denunciato che non gli avevano fatto il tampone, nonostante avesse la febbre alta.

Leggi anche –> Morto il dottor Valli, disse: “Fanno tamponi a tutti i vip, ma a noi medici no”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Renzo Paris, il ricordo del dottor Valli e la guarigione

In un’intervista al Corriere della Sera, Renzo Paris ha ricordato la ‘convivenza’ in ospedale col dottor Valli: “Siamo arrivati al Policlinico lo stesso giorno, domenica 15 marzo, io con 39 di febbre, lui meno. Ma di Edoardo, per rispetto a lui, persona squisita, meravigliosa, riservata, e alla sua famiglia, non voglio parlare. Quei tre giorni a lottare fianco e fianco, il nostro farci forza a vicenda prima che lo portassero in terapia intensiva, le nostre emozioni resteranno nel mio cuore, solo per me…”.

Nell’intervista, per la prima volta, Renzo Paris ha spiegato che ritiene una sorta di miracolo la sua guarigione: “Come in un miracolo di Fatima, dove tra l’altro sono stato a gennaio con i miei anziani genitori, e continuo a pensare che qualcosa la Madonna c’entri, il 17 mattina mi sono svegliato quasi bene. In 48 ore la crisi era passata. L’ossigeno era salito a 97. È da un mese che ci penso: perché con qualcuno le cure attecchiscono e con altri no? Ognuno ha il suo destino, certo, ma questa malattia è una roulette… Dopo che me lo sono visto portar via dalla stanza, sono rimasto sotto choc. Ho pianto per un’intera giornata. Non ho dormito per otto-nove giorni, avevo sempre la sua immagine davanti…”.