Coronavirus, rapporto dell’Iss sui pazienti deceduti: “Ecco tutti i numeri”

Chi sono i morti a causa del Coronavirus? Cosa dicono le statistiche su età, sesso e patologie? La risposta sta in un nuovo rapporto dell’Istituto superiore di sanità. 

Quasi 30mila – 27.955 per l’esattezza – pazienti morti e risultati positivi all’infezione da Coronavirus in Italia: è a partire da questo “campione” che l’Istituto superiore di sanità (Iss) ha stilato un rapporto sui decessi legati all’emergenza pandemica, analizzando i dati ricevuti fino al 7 maggio. Vediamo insieme i dati più significativi che emergono dallo studio.

Leggi anche –> Coronavirus Italia: dati aggiornati live contagio Regioni 8 maggio

Leggi anche –> Fase 2 Coronavirus: cosa cambia per cinema, musei e concerti – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il profilo completo delle vittime del Coronavirus

Secondo il rapporto dell’Iss, oltre la metà dei morti per Coronavirus sono in Lombardia (il 52,3%), il 13,4% in Emilia Romagna, il 7,8% in Piemonte e il 5,7% in Veneto: queste dunque le regioni più colpite. Nelle altre la percentuale è sotto al 4%, e in sette casi addirittura sotto l’1% (Sicilia, Valle d’Aosta, Sardegna, Calabria, Umbria, Basilicata e Molise).

L’età media delle vittime è di 80 anni, 20 in più rispetto a quella delle persone contagiate dal virus: di queste, il 39% sono donne e il restante 61% sono uomini. Le donne, in particolare, presentano un’età superiore a quella degli uomini, 85 anni contro 79. Al 7 maggio scorso risultano essere 312 (l’1,1%) i pazienti deceduti di età inferiore ai 50 anni: 66 di questi avevano meno di 40 anni (42 uomini e 24 donne di età compresa tra 0 e 39 anni). Per 14 pazienti under 40 non sono al momento disponibili informazioni cliniche, ma sappiamo che 40 di essi presentavano gravi patologie preesistenti (cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità) e 12 non avevano diagnosticate patologie rilevanti.

Una sezione del rapporto dell’Iss è dedicata all’analisi del quadro clinico delle cartelle di 2.621 persone decedute: quasi il 60% delle vittime presenta tre o più patologie pregresse, il 21,3% ne ha due, il 15% una e solo il 3% non presenta alcuna patologia. Il numero medio totale di malattie preesistenti è superiore a 3, mentre il 24% dei pazienti deceduti seguiva una terapia con ACEinibitori e il 17% una terapia con Sartani. E ancora: nel 92,5% delle diagnosi di ricovero sono menzionate condizioni come polmonite, insufficienza respiratoria o sintomi compatibili con Covid-19, nel restante 7,5% dei casi la diagnosi di ricovero non è correlata all’infezione (riguarda esclusivamente patologie neoplastiche, cardiovascolari, gastrointestinali e di altro tipo). Tra le complicanze più diffuse c’è l’insufficienza respiratoria (il 97,0% dei casi), seguita dal danno renale acuto (22,6%), dalla sovrainfezione (12,4%) e dal danno miocardico acuto (10,8%).

Quanto ai sintomi, quelli più comunemente osservati prima del ricovero nei pazienti poi deceduti sono febbre dispnea e tosse; meno frequenti invece diarrea e emottisi. E nel 5,8% dei casi non risulta presente alcun sintomo al momento del ricovero. Infine, terapia più utilizzata stando alle cartelle cliniche è quella antibiotica (85% dei casi), seguita a distanza da quella antivirale (57%) e da quella steroidea (37%). Ma in 557 casi (21,6%) sono state utilizzate tutte e tre le terapie. Al 4,2% dei pazienti è stato invece somministrato il Tocilizumab. Tutto questo in un lasso di tempo medio di 10 giorni dall’insorgere dei primi sintomi al decesso (5 giorni dai sintomi al ricovero in ospedale e altri 5 dal ricovero alla morte ulteriori).

Leggi anche –> Fase 2, gli psichiatri: “Un milione di italiani teme il ritorno alla normalità”

EDS
Coronavirus Lombardia