Serie A, Renzi: “Campionato riparta, Spadafora non decide solo”

Coronavirus e Serie A, il leader di Italia Viva, Matteo Renzi parte all’attacco: “Campionato riparta, Spadafora non decide solo”.

(Getty Images)

Matteo Renzi, senatore e leader di Italia Viva, attacca a tutto campo il governo Conte: non c’è un argomento che sia legato al Coronavirus e alla fine rapida del lockdown che non venga commentato dall’esponente politico.

Leggi anche –> Serie A, campionato finito? “Faremo quello che dice il Governo”

L’ex premier ed ex segretario del Pd ora se la prende con il ministro dello Sport Spadafora. Attacca su Facebook: “Campionato di calcio. Non è la priorità, certo. Ma è una scelta importante. Dice il Ministro dello sport che “non se ne parla proprio”. E chi lo ha deciso? Lui allo specchio?”.

Leggi anche –> Serie A Coronavirus | la ripresa è lontana | Ministero della Salute scettico

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Renzi spinge per far ripartire la Serie A: le sue parole

Open perquisizioni

“In democrazia si parla di tutto. E si parla soprattutto delle scelte che riguardano tanti cittadini. Il ministro venga in Parlamento, non può decidere da solo: siamo una democrazia”, prosegue ancora Renzi, che rincara la dose ospite di L’Aria Che Tira su LA7: “ll calcio non è un giochetto per addetti ai lavori, ci sono interessi enormi che si muovono dietro questa vicenda. Spadafora come si permette di dire che non se ne parla? Può dire la sua opinione, non è il padrone del calcio!”.

Quindi sull’ipotesi che possa far cadere il governo Conte per dare vita a un esecutivo di larghe intese e di unità nazionale: “Penso che in questo momento la priorità è uscire da casa non se Iv esce dal governo. Basta far finta di pensare che il problema dell’Italia sia il runner da inseguire con l’elicottero e non l’economia disintegrata soprattutto per chi non ha garanzie. Io rispetto il presidente del Consiglio, l’importante è che faccia le cose serie e non le cose populiste. Una diretta Facebook in meno, un cantiere aperto in più”.