Marcello Perracchio: chi era Pasquano del Commissario Montalbano

Chi era Marcello Perracchio, l’attore che interpretava il ruolo di Pasquano nella fiction di successo Il Commissario Montalbano.

(screenshot video)

Classe 1938, noto al grande pubblico per il ruolo di Pasquano nella serie televisiva italiana Il commissario Montalbano, Marcello Perracchio è nato a Modica: a luglio 2017 è morto a Ragusa. Si tratta di uno dei caratteristi della nota fiction.

Leggi anche –> Isabell Sollman: chi è Ingrid del Commissario Montalbano

Sicuramente, il suo ruolo più noto è all’interno del cast della fiction tratta dai romanzi di Andrea Camilleri, ma il suo esordio nel mondo del cinema affonda le sue radici a metà anni Settanta, quando è nel cast di Gente di rispetto, il film di Luigi Zampa tratto dall’omonimo romanzo di Giuseppe Fava, giornalista e scrittore siciliano ucciso da Cosa Nostra.

Leggi anche –> Katharina Böhm: che fine ha fatto la prima ‘Livia’ di Montalbano – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sapere su Marcello Perracchio, noto per il ruolo di Pasquano

Nel mondo della fiction, Marcello Perracchio – che è stato anche affermato attore teatrale – esordisce interpretando Lo Spanno nello sceneggiato televisivo La Piovra, diretto da Damiano Damiani e interpretato da Michele Placido. Ritroverà poi sia il regista che l’attore nel film Pizza Connection, dove interpreta l’avvocato Masseria. A fine anni Ottanta, è nel cast di La donna della luna, del critico cinematografico Vito Zagarrio, qui al suo esordio alla regia.

Altro regista a cui è stato legato è Alessandro Di Robilant, che lo volle nel ruolo del boss Antonino Forte nel film Il giudice ragazzino, sulla vita di Rosario Livatino. Con il regista sarà poi nel cast di Mauro c’ha da fare e della miniserie La voce del sangue. La sua ultima apparizione sul grande schermo è stata nel film Italo, del 2014, mentre è apparso anche in due film interpretati da Ficarra e Picone. Ma il suo legame col ruolo di Pasquano fu fortissimo, “un personaggio che Marcello amava come un figlio, si assomigliavano, e che gli aveva regalato la popolarità  e, soprattutto, l’affetto della gente”, ha ricordato la moglie, Franca Guerrieri in un’intervista.