Gina Lollobrigida, chi è l’ex marito Milko Skofic: vita privata e carriera

Milko Skofic è un produttore cinematografico, ex marito dell’attrice Gina Lollobrigida. Scopriamo insieme la sua storia.

Milko Skofic è un ex produttore cinematografico sloveno, conosciuto come l’ex marito della nota attrice italiana Gina Lollobrigida.

Leggi anche -> Gina Lollobrigida perde la sua battaglia: “Vulnerabile e suggestionabile”

La coppia si è sposata nel 1949, conosciutasi a Cinecittà, seconda casa per entrambi. I due hanno anche avuto un bellissimo bambino: Andrea Milko jr. La coppia si è poi separata nel 1971, a causa di molte incomprensioni nate nella coppia.

Leggi anche -> Stasera in tv – Un giorno in pretura stasera la prima puntata con Gina Lollobrigida

Quando, durante un’intervista al Corriere della Sera, gli fu chiesto a Gina cosa la spinse a sposare Milko, l’attrice diede una risposta amara e tragica: “Eh, c’è stata una ragione… Ho avuto una disavventura, come tante donne. C’è stato un disgraziato che si è approfittato di me, un calciatore della Lazio. Mi ha drogata, ero vergine […] E che lo denunciavo a fare? A quei tempi… Ora è morto. Ho cercato di convincermi che non fosse successo niente, ma una cosa così non la dimentichi. Dopo mi sono accompagnata con Milko. Non è che volesse sposarmi, lo volevo io, per avere una vita normale, mi sentivo rovinata…”

Milko Skofic, la carriera cinematografica

Milko ha avuto una splendida carriera cinematografica, sia come produttore che come attore. Nel ’58 decide di finanziare il film Anna di Brooklyn, diretto da Carlo Lastricati e vincitore di un David di Donatello. Inoltre ha l’opportunità di recitare ne Le infedeli (1953) del grande Mario Monicelli e La provinciale (1953) di Mario Soldati. Il piccolo Milko junior era molto legato al padre e quando i genitori divorziarono, rimase profondamente ferito dalla decisione della madre:

“Purtroppo non ci siamo riavvicinati mai del tutto, lui cambiava sempre idea per colpa degli avvocati. Per quattro-cinque volte ha cambiato idea, rifiutando di riavvicinarsi a me.”