Stati Uniti: scoperto un test che permette di scovare i positivi asintomatici

Gli scienziati dell’esercito americano avrebbero trovato un test in grado di identificare il contagio da Coronavirus entro le prime 24 ore.

Secondo quanto rivelato dal ‘The Guardian‘, gli scienziati americani avrebbero messo a punto un test diagnostico rivoluzionario per il Coronavirus. Questo infatti permetterebbe di scoprire se un soggetto è positivo prima ancora che diventi contagioso e manifesti i sintomi. Stando a quanto hanno riferito gli scienziati che lavorano per l’esercito americano al noto quotidiano, il test del sangue permetterebbe di sapere se una persona  è positiva o meno dopo appena 24 ore dall’avvenuto contagio.

Leggi anche ->Coronavirus, la speranza della cura Remdesivir: “Ecco i risultati dei test”

Nei prossimi giorni il test verrà valutato dall’EUA e si saprà se la sua attuazione su larga scala potrà essere effettuata. Se ci sarà il via libera, tale procedura verrà implementata negli Stati Uniti a partire dalla seconda metà di maggio. Sebbene non è certo che venga data l’approvazione, gli esperti del Darpa manifestano la propria eccitazione per il risultato ottenuto e ritengono che il test possa essere un’arma efficace per prevenire una seconda ondata di contagi.

Leggi anche ->Vaccino Coronavirus, Moderna pronta alla produzione da luglio

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Test per scovare i positivi asintomatici

Non vi è dubbio che se  funzionasse e venisse condiviso con il mondo ci troveremmo dinnanzi ad un passo avanti di importanza enorme. Il progetto è frutto di un lavoro già in atto da diverso tempo all’interno della Defense Advanced Research Projects Agency, volto a trovare un test capace di diagnosticare in tempi rapidi avvelenamento da germi in un’eventuale guerra chimica.

Data la situazione, il progetto è stato dirottato su un test capace di diagnosticare la positività al Covid-19. Adesso si attende l’approvazione della EUA e della FAD, affinché lo si possa attuare sulla popolazione. Positivo sull’approvazione è il capo dell’ufficio delle tecnologie biologiche di Darpa, il dottor Brad Ringeisen, che al quotidiano americano ha dichiarato: “Il concetto colma una lacuna diagnostica in tutto il mondo”.