Home News Coronavirus, possibile legame con la Sindrome di Kawasaki: “Bimbi colpiti”

Coronavirus, possibile legame con la Sindrome di Kawasaki: “Bimbi colpiti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:04
CONDIVIDI

Potrebbe esserci un nesso tra il Coronavirus e la Sindrome di Kawasaki, secondo quanto rivelato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) fa sapere che è in corso una serie di accertamenti per capire se vi sia una correlazione tra il Coronavirus e la Sindrome di Kawasaki, una rara infiammazione dei vasi sanguigni che colpisce i bambini tra i 5 e i 10 anni e la cui causa scatenante è tuttora ignota. Tra i primi a dare l’allarme i medici dell’ospedale Papa Giovanni XIII di Bergamo che, dopo aver notato un anomalo incremento dei casi durante la pandemia, hanno ipotizzato un nesso con i sintomi del Covid-19.

Leggi anche –> Coronavirus, la speranza della cura Remdesivir: “Ecco i risultati dei test”

Leggi anche –> Coronavirus Italia: dati contagio Regioni del 29 aprile – LIVE

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

bambina morta Coronavirus

L’ombra del Coronavirus sui pazienti più piccoli

“Sappiamo del piccolo numero di bambini che hanno subito una risposta infiammatoria simile alla Sindrome di Kawasaki – ha dichiarato Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico per il coronavirus dell’Oms, in conferenza stampa a Ginevra -. È successo in uno o due Paesi ed è una condizione molto rara. Ma stiamo esaminando la situazione insieme al nostro network di clinici”.

Dall’Organizzazione assicurano che l’eventuale correlazione è allo studio di esperti da tutto il mondo “che si riuniscono una volta a settimana e che stanno cercando di capire meglio come questa infezione colpisca il corpo”. E ribadiscono: “Sappiamo di questi casi e stiamo cercando di continuare a raccogliere dati. Le recenti descrizioni di sindrome infiammatoria simile alla malattia di Kawasaki sembrano essere molto rare, ma il network sta studiando i dati per capire meglio cosa sta succedendo e come affrontarlo”. Il capo del Programma di emergenze sanitarie dell’Agenzia Onu, Mike Ryan, ha però anche voluto rassicurare i genitori dei bambini nella fascia d’età più colpita ricordando “che la maggioranza dei bambini colpiti da Covid-19 ha sintomi lievi e guarisce”.

EDS