Papà ha un cancro incurabile, parto del primo figlio anticipato per l’ultimo addio

Jamie Hunter e sua moglie Beccy Flint hanno deciso di anticipare la nascita del loro primogenito dopo che lui ha scoperto di avere un cancro.

Quando hanno scoperto di essere in attesa del loro primo figlio, Jamie Hunter e sua moglie Beccy si sono sentiti al settimo cielo. Ma lo scorso ottobre lui, giovane, aitante e apparentemente sano come un pesce, ha accusato un forte dolore che, purtroppo, si è presto rivelato sintomatico di un cancro al rene. Il primo pensiero è andato al piccolo in arrivo – con data prevista a maggio 2020 – e al rischio di non poterlo mai vedere o abbracciare.

Leggi anche –> Ucciso da un secondo tumore | Damiano muore a 32 anni

Leggi anche –> Giovane va in ospedale per Coronavirus | gli trovano un tumore 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La sfida di un papà che vuole battere il cancro sul tempo

La diagnosi è arrivata lo scorso marzo: a Jamie, 38 anni, è stato detto subito che il cancro era molto esteso, a uno stadio avanzato e incurabile. Ecco perché la coraggiosa coppia i Sutton Coldfield, un’area urbana inglese delle West Midlands che fa parte della città di Birmingham, ha preso la decisione di dare alla luce il loro bambino il 10 maggio. La speranza è che lo sfortunato papà faccia in tempo a conoscerlo e coccolarlo.

Il migliore amico di Jamie, Phil Taylor, ha detto al Mirror: “Purtroppo non sarà mai in grado di festeggiare il primo compleanno del suo bambino, insegnargli a andare in bicicletta e a nuotare o essere presente il suo primo giorno di scuola. Queste sono le cose che di solito diamo per scontate. Come se la vita non fosse abbastanza crudele, Beccy potrebbe dover affrontare il parto senza di lui, poiché la sua salute si sta deteriorando ogni giorno”.

Phil, che ha conosciuto Jamie 15 anni fa, e un altro amico, Chad Duggan, hanno lanciato una campagna di crowdfunding con l’obiettivo di raccogliere 100.000 sterline per sostenere le spese per le terapie di Jamie e aiutare la sua famiglia. C’è già stata un’enorme risposta all’appello, che su Twitter è stato ritwittato anche dal capitano dell’Aston Villa Jack Grealish. Un regalo bellissimo per Jamie, che lavora come insegnante di educazione fisica presso la John Wilmott School di Sutton Coldfield ed è un grande appassionato di calcio.

EDS