La leader anti-quarantena beffata dal coronavirus: “Sono positiva”

Audrey Whitlock, amministratrice della pagina Facebook “ReOpen NC”, due settimane fa ha scoperto di essere positiva al coronavirus.

Aveva partecipato, con grande spirito battagliero, a una serie di manifestazioni di protesta contro le norme di contenimento per l’emergenza coronavirus adottate negli Stati Uniti. E aveva addirittura creato un apposito gruppo su Facebook, “ReOpen NC”. Ora però Audrey Whitlock, attivista del North Carolina, sta scoprendo sulla propria pelle cosa significa essere contagiati dalla pandemia.

Leggi anche –> Coronavirus Stati Uniti | Trump taglia i fondi all’Oms | “Ha insabbiato tutto”

Leggi anche –> Record di morti da coronavirus negli Stati Uniti | quasi 2mila in un giorno

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La battaglia di Audrey Whitlock contro le restrizioni legate al coronavirus

“Riaprite tutto!” era lo slogan di Audrey Whitlock e di tanti altri americani che animano le manifestazioni di protesta per chiedeva allo Stato di allentare le restrizioni imposte dalla quarantena. Purtroppo, la donna si è dovuta fermare dopo aver scoperto di essere positiva al coronavirus.

E’ il New York Post a raccontare che l’amministratrice del gruppo Facebook “ReOpen NC”, due settimane fa ha scoperto di essere positiva: una sorpresa assolutamente inaspettata, essendo tra l’altro asintomatica. Per lei è subito scattata la quarantena obbligatoria di 14 giorni, che – ironia della sorte – le ha impedito di partecipare a due manifestazioni di protesta da lei stessa organizzate.

“Sono rimasta in isolamento domiciliare, su disposizione del dipartimento sanitario locale – ha raccontato Audrey Whitlock in un’intervista – e non ho partecipato ad altre manifestazioni per le riaperture in North Carolina”.  “Non ho sintomi – ha aggiunto -, ma mi hanno costretto a rimanere in isolamento per due settimane”.

Nel North Carolina le norme di contenimento più restrittive dovrebbero essere revocate prossimo 8 maggio, anche se il governatore democratico Roy Cooper, alla luce delle pressioni dell’opinione pubblica (che sta mostrando segni di insofferenza un po’ in tutti gli Stati Uniti), sta studiando soluzioni alternative per poter riaprire in anticipo alcune attività.

EDS