Test sierologici Coronavirus Italia: chi farà parte del campione

Chi farà parte del campione di popolazione che verrà sottoposta a test sierologici per il Coronavirus in Italia: fasce d’età e composizione.

(RONALDO SCHEMIDT/AFP via Getty Images)

150mila persone, di diverse fasce d’età, estratte in 2mila comuni italiani. Questo è il campione della popolazione del nostro Paese che a partire da lunedì prossimo, 4 maggio, e per circa due mesi farà i test sierologici per il Coronavirus.

Leggi anche –> Coronavirus Italia: il governo dà il via libera ai test sierologici

La composizione del campione è stata resa nota oggi pomeriggio dalla direttrice centrale dell’Istat Linda Laura Sabbadini. Questa invita gli estratti a presentarsi, per ridurre l’errore statistico.

Leggi anche –> Test sierologici, come funziona il piano della Lombardia – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Fasce d’età e composizione campione test sierologici Coronavirus

(PRAKASH MATHEMA/AFP via Getty Images)

Popolazione divisa in sei fasce: da zero anni a 17, da 18 a 34, da 35 a 49, da 50 a 59, da 60 a 69 e da 70 e più anni. La Sabbadini spiega: “Le fasce d’età sono state scelte con il comitato tecnico scientifico. Andando avanti con gli anni sono maggiormente dettagliate: è importante sapere i rischi che corrono le fasce più adulte che hanno presentato più elevati livelli di mortalità, specie quelle che lavorano”.

I test sierologici dovranno evidenziare la cosiddetta “siero-prevalenza”. Ovvero dovrebbero “capire, perché oggi non lo sappiamo, quante persone hanno sviluppato gli anticorpi al Coronavirus anche se non hanno avuto sintomi e non se ne sono accorte. Ricostruendo le loro storie, stimiamo quanti sono gli asintomatici”. Arriva infine l’appello alla partecipazione: “E’ fondamentale che le persone estratte a caso nel campione partecipino perché più chi è stato estratto nel campione parteciperà, più i risultati saranno precisi. Non c’è l’obbligo di partecipare da parte di chi viene selezionato ma, visto che si tratta di scoprire se abbiamo sviluppato gli anticorpi, prendere parte è un bene per il singolo e la comunità intera”.