Viaggi e Coronavirus: il Portogallo lancia un marchio per hotel Covid-19 free

Il Portogallo cerca di trovare un modo per garantire il turismo in sicurezza nei suoi hotel. Arriva il marchio Clean & Safe.

portogallo-marchio-sicurezza
Portogallo Adobe Stock

Dove andare in vacanza in questa fase di nuova vita dopo l’emergenza Coronavirus? Quali sono le destinazioni che ci possono fare sentire sicuri in merito al contagio da Covid-19 visto e considerato che si tratta di una fase di ripartenza e di convivenza con il virus? Il Portogallo ha avuto un’idea per incentivare i turisti a muoversi, a raggiungere la nazione e soprattutto ad alloggiare negli alberghi locali in sicurezza. Arriva il marchio Clean&Safe per le strutture Covid-19 free.

Cosa significa il marchio Clean&Safe

Ma cosa significa realmente questo marchio per un viaggiatore che vuole raggiungere il Portogallo e soggiornare in un hotel locale? Il marchio Clean&Safe serve dunque a certificare che le strutture turistiche hanno igienizzato e pulito tutte le aree dell’albergo per prevenire e controllare la diffusione del Coronavirus anche tra i turisti. Il marchio può essere richiesto online sulle piattaforme del turismo locale, ma per ottenerlo ogni struttura dovrà documentare e allegare alla domanda tutti i protocolli di sicurezza, igienizzazione e pulizia che sono richiesti alle imprese turistiche sulla base delle indicazioni del DGS. Come leggiamo su TTG Italia, chi richiede il marchio Clean&Safe ovviamente deve anche assicurare tutte quelle misure igieniche per allontanare il rischio contagio. Chi riuscirà ad ottenere questo marchio lo potrà esporre per un intero anno e per dare la certezza ai turisti che l’hotel o la struttura mantenga veramente in vigore tutte le normative di sicurezza e igienizzazione per il Coronavirus, l’ente del turismo ha garantito e avvisato che farà dei controlli a sorpresa per controllare che sia tutto vero quanto dichiarato nella domanda e che i protocolli di igienizzazione e sicurezza vengano mantenuti durante tutto l’anno, non solo una volta fatta la domanda.

Cosa fa il turismo in questa situazione?

Braga, santuario di Bom Jesus di Monte (iStock)

Insomma, il mondo del turismo sta cercando di fare il possibile per essere pronto non appena si potrà cominciare nuovamente a viaggiare. Le strutture alberghiere di tutto il mondo, chiaramente non solo in Portogallo, stanno cercando le giuste tecniche per capire come muoversi e cosa proporre ai clienti per farli “stare tranquilli” durante i loro viaggi. Assicurare ai clienti una corretta sanificazione e igienizzazione è infatti uno dei tasselli più importanti per questa ripartenza che deve essere fatta nel modo più completo e sicuro possibile. Solo così, infatti, il comparto turistico potrà assicurarsi una buona ripartenza nonostante il lungo stop.