“L’ho uccisa e ho cucinato le sue gambe”: l’orribile confessione del cannibale

Un uomo di 41 anni ha ammesso di aver ucciso la sua ragazza dopo aver bevuto una festa, per poi “cucinarla” come si conviene a un cannibale.

Un uomo di 41 anni ha ammesso di aver ucciso la sua ragazza e di averle cucinato le gambe dopo aver avuto fame durante una festicciola a due. Pare che il cannibale, identificato solo con il suo nome di Oleksandr, stesse friggendo e mangiando le gambe della sua vittima quando la Polizia ha fatto irruzione nella sua casa nella città di Kryvyi Rih, in Ucraina.

Leggi anche –> Uccide la fidanzata in un attacco efferato: “Stava ballando con un altro” 

Leggi anche –> Maria Sestina Arcuri | il fidanzato confessa dal carcere | “L’ho uccisa così”

Secondo la Polizia, Oleksandr e la sua fidanzata 50enne, di cui non sono state rese note le generalità, avrebbero organizzato una festa a base di alcol lo scorso 13 aprile. A un certo punto Oleksandr ha afferrato un coltello da cucina e letteralmente aperto la gola della donna, provocandone la sua morte, secondo la ricostruzione degli investigatori. Dopo essersi accertato che fosse morta, l’uomo le avrebbe tagliato le gambe mettendo il resto del suo corpo in un sacco.

Se vuoi seguire tutte le ultime notizie selezionate dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Una ragazza vittima del fidanzato-cannibale

I pantaloni della vittima sono poi stati trovati nel cortile della casa di Oleksandr. Il sacco con i resti umani, invece, era stato trascinato a circa 500 metri da lì e nascosto tra le canne del fiume Inhulets. Il raccapricciante “materiale” è stato trovato il ​​giorno dopo da una famiglia che camminava lì per caso. Mykola, padre di due figli, ha detto ai media locali: “Stavamo cercando un punto per pescare quando ci siamo imbattuti nel sacco. Ho visto le natiche nude che sporgevano e ho capito che erano resti umani. Ho subito chiamato la Polizia”.

La gente del posto ha immediatamente identificato la vittima e ha detto alla polizia l’indirizzo del suo ragazzo. Oleksandr è stato arrestato dopo l’arrivo degli agenti a casa sua, ai quali ha candidamente confessato tutto. Persino questi ultimi si sono sentiti male dopo essere entrati e aver visto cosa stava mangiando. L’uomo è stato messo in custodia e rischia fino a 15 anni di reclusione se ritenuto colpevole. L’indagine va avanti.

EDS