Beatrice Rana, chi è: età, carriera e vita privata della pianista

Conosciamo meglio la storia di Beatrice Rana: ecco tutte le curiosità della carriera e vita privata della giovane pianista di origini pugliesi.

(screenshot video)

Classe 1993, nata a Copertino vicino Lecce, Beatrice Rana è figlia d’arte: la sua è infatti una famiglia di musicista. Sin da piccolissima, dunque, impara a suonare il piano e a 9 anni debutta in concerto con l’orchestra diretta da Francesco Libetta.

Leggi anche –> Ludovico Einaudi, chi è: età, carriera e vita privata del pianista e compositore

Entra poi in Conservatorio a Monopoli, si diploma con lode e a 18 anni ha conseguito il primo premio al Concorso Internazionale di Montréal. Si tratta della più giovane vincitrice in assoluto e della prima e unica italiana.

Leggi anche –> Aeham Ahmad, chi è: età, carriera e vita privata del pianista siriano

Se vuoi seguire tutte le ultime notizie selezionate dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Cosa sapere della giovane pianista Beatrice Rana

Intraprende così il proprio percorso artistico e la propria carriera di pianista solistica internazionale collaborando con diverse orchestre e direttori. Questo la porta a girare il mondo e a calcare i principali palcoscenici internazionali. Ad appena 21 anni, nel 2014, viene inserita tra i migliori trenta pianisti internazionali under 30. Nel 2018 invece viene candidata ai Classic BRIT Awards come migliore artista femminile dell’anno, grazie alla sua interpretazione delle Variazioni Goldberg di Bach.

Vincitrice del “Premio Abbiati” della Critica Musicale Italiana come migliore solista dell’anno nel 2016, di un “Gramophone Award” nel 2017 sempre per le Variazioni Goldberg e di altri prestigiosi riconoscimenti, ha cinque dischi all’attivo, gli ultimi tre pubblicati per la Warner Classics.  Ha suonato con la BBC Philharmonic, l’Orchestre National de France e la Philadelphia Orchestra e ha collaborato con importanti direttori di orchestra. Tra questi si annoverano Riccardo Chailly, Yuri Temirkanov e Antonio Pappano.