Ricciardi avverte tutti: “Per la fase 2 è troppo presto”

Ricciardi avverte tutti: “Per la fase 2 è troppo presto”. L’Organizzazione mondiale della Sanità lancia il monito sulla gestione della seconda fase dell’emergenza.
Ricciardi

Walter Ricciardi ha espresso il suo parere sulla gestione della così detta fase 2, avvertendo sui rischi che correrebbe il nostro Paese ad avviare questo processo prima del tempo.

Leggi anche –> Coronavirus Italia: dati contagio Regioni del 18 aprile – LIVE

Leggi anche –> Coronavirus | Col Paese deserto, in Abruzzo passeggiano i cervi | VIDEO

Ricciardi lancia l’avvertimento: “Per la fase 2 è troppo presto”

Lotta ancora strenuamente contro il virus il nostro Paese. Quel Covid-19 che continua incessante a mietere centinaia di vittime ogni giorno. Eppure i numeri fanno sperare che il processo si stia apprestando ad avere una battuta d’arresto o che quanto meno la curva dell’emergenza sanitaria inizi il suo periodo di declino. Per questo in queste ore si comincia a parlare della così detta fase 2, ovvero quella della progressiva riapertura delle attività sul nostro territorio nazionale.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Proprio a tal proposito, l’Organizzazione mondiale della Sanità  ha lanciato in queste ore il monito. E lo ha fatto attraverso la figura di Walter Ricciardi, che svolge anche il ruolo di consulente del ministro della Salute. Come si legge su Tgcom24.mediaset.it, Ricciardi si sarebbe infatti pronunciato sulla gestione della fase 2 dell’emergenza lanciando un monito a tutti.

“E’ assolutamente troppo presto per iniziare la fase 2”, ha affermato infatti Ricciardi. “I numeri, soprattutto in alcune Regioni, sono ancora pieni di una fase 1 che deve ancora finire. E’ assolutamente importante non affrettare”. La fase 2 “potrà partire quando conteremo i nuovi casi sulle dita di una mano e non certamente con numeri a quattro cifre”, ha ribadito il membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione mondiale della Sanità. In caso contrario infatti, l’allentarsi delle misure restrittive di fronte ad un dilagare del virus ancora dalla forte carica, potrebbe far riesplodere la pandemia con una seconda ondata e dunque vanificare tutto il lavoro e gli sforzi profusi fino a questo momento.

Vedremo nelle prossime ore se il Governo e i governatori regionali terranno in considerazione quanto affermato da Walter Ricciardi sulla questione.
Ricciardi