Parigi, scoperta choc: “Tracce di Coronavirus nell’acqua non potabile”

L’acqua non potabile di Parigi presenta tracce di Coronavirus, ma il Comune della Capitale francese rassicura: “Nessun rischio per quella potabile”.

Coronavirus Italia acqua

Anche l’acqua di Parigi è a rischio di pandemia. Tracce di Coronavirus sono state infatti trovate nella rete idrica non potabile della Capitale francese. Il cui Comune, però si affretta a precisare che “non c’è alcun rischio” per l’acqua potabile.

Leggi anche –> Scandalo Coronavirus in Usa: “Laboratori contaminati e tamponi in ritardo” 

Leggi anche –> Coronavirus: quali sono le attività maggiormente a rischio 

Secondo quanto reso noto dal Comune di Parigi, si tratterebbe di “tracce minime” di Coronavirus, che sarebbero state scoperte solo esclusivamente nella rete idrica non potabile, utilizzata soprattutto per il lavaggio e la pulizia delle strade pubbliche. Nessun grave rischio per la popolazione, quindi, anche se la notizia ha subito destato grande clamore e apprensione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Se il Coronavirus si nasconde nell’acqua

E’ stato il laboratorio che lavora per la rete idrica comunale di Parigi a scoprire “in queste ultime 24 ore” la presenza in quantità minima di tracce del Coronavirus su 4 dei suoi 27 punti testati. Tale scoperta, nel pieno dell’emergenza pandemia, ha spinto il Comune a sospendere immediatamente l’uso della rete idrica non potabile, nel quadro del “principio di precauzione”.

L’acqua potabile, invece, dipende da un’altra rete idrica “totalmente indipendente” e “non presenta alcuna traccia di virus Covid”, dunque “può essere consumata senza alcun rischio”, assicura il Comune. Nel dubbio, però, tanti parigini opteranno senz’altro per l’acqua in bottiglia.

EDS