Vaccino Coronavirus, al via la sperimentazione sull’uomo in Inghilterra

Continua la corsa alla sperimentazione di un vaccino efficace contro il Coronavirus: in Inghilterra inizieranno i test sull’uomo settimana prossima.

Da settimane ormai si parla dell’inizio della sperimentazione di un vaccino sull’essere umano in Inghilterra. La conferma che la fase di test sull’uomo comincerà a breve l’ha data questa mattina uno degli esperti scelti per la task force governativa creata per gestire l’emergenza Coronavirus. Il medico britannico, il dottor Sir John Bell, ha infatti spiegato in un’intervista al programma radiofonico della ‘BBC Radio 4’s Today‘ che la prossima settimana dovrebbe cominciare la sperimentazione sull’uomo alla Oxford University.

Leggi anche ->Vaccino Coronavirus, il viceministro Sileri: “Dovrà essere obbligatorio”

Ai microfoni del programma radio, il medico ha spiegato: “Hanno ottenuto un vaccino candidato, che penso verrà testato per la prima volta sull’uomo questa settimana dopo un ampio spettro di studi sulla sicurezza. Sarà testato, penso, il prossimo giovedì e si tratterà del primo test su un essere umano“.

Leggi anche ->Vaccino Coronavirus: primi test sull’uomo a fine aprile – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vaccino Coronavirus: “Se otterremo buoni risultati entro maggio, si potrà cominciare la fase di produzione”

L’esperto ha successivamente spiegato per quale motivo i ricercatori britannici stiano tentando di accelerare la fase di sperimentazione: “Il motivo per cui stiamo accelerando è che vorremmo utilizzare questa ondata di contagi. Poiché una volta passata questa ci sarebbero davvero pochi, pochi casi fino alla successiva ondata”. John Bell spiega che accelerare le procedure non significa trascurare le misure di sicurezza, visto che la salute delle persone che si sottopongono al test è la prima esigenza da rispettare. Dunque aggiunge una speranza: “Se dovessimo avere una prova di una forte immunizzazione entro la metà o la fine di maggio, vorrà dire che ci siano riusciti”.