Morto investito a 13 anni da un’auto pirata: il dolore del fratello

Mason O’Grady, morto investito a 13 anni da un’auto pirata guidata da una donna di 28 anni: il dolore e l’omaggio del fratello.

(Facebook)

Una donna di 28 anni è stata arrestata con l’accusa di aver causato la morte per guida pericolosa e di non essersi fermata dopo che Mason O’Grady è stato investito da un’auto e ucciso a Erdington, Birmingham.

Leggi anche –> Vaccino Coronavirus: primi test sull’uomo a fine aprile – VIDEO

Mason O’Grady è stato investito da un’auto davanti ai suoi genitori mentre attraversava la strada a un semaforo. Suo fratello maggiore gli ha reso omaggio con un post struggente sui social.

Leggi anche –> Controlli Coronavirus: quasi 600 positivi ‘evasi’ dalla quarantena

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il dramma di Mason, morto investito a 13 anni

La 28enne autista di una VW Polo nera è stata arrestata con l’accusa di aver causato la morte per guida pericolosa e di non essersi fermata a causa dell’incidente. Il fratello maggiore di Mason, il golfista professionista Adam Bryant, gli ha reso omaggio in un post di Facebook che ha iniziato dicendo: “Non posso credere di dover scrivere questo”. Ha chiesto a tutti di condividerlo “così possiamo ottenere quante più informazioni possibili” per aiutare con le indagini della polizia. Ma non solo il fratello maggiore ha voluto ricordare il ragazzo.

Straziante ad esempio è stato l’omaggio della nonna, ma anche di Hayley Myles, amica della madre di Mason, che ha descritto lo studente come “un’anima meravigliosa”. La donna ha messo in evidenza: “È terribile. Era così adorabile, divertente, che non l’hai mai visto di cattivo umore”. Una pagina commemorativa sul sito Web GoFundMe.com ha già raccolto oltre 4.000 sterline in meno di 24 ore dall’incidente.