Coronavirus Italia: meno ricoveri in terapia intensiva, ma numeri ancora alti

Scendono ancora i ricoverati in terapia intensiva per il Coronavirus, 88 in meno: i dati di oggi, male la Lombardia, anche oggi 300 vittime.

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Oltre 4.200 nuovi positivi da Coronavirus in 24 ore, con 610 vittime: questi gli ultimi dati della Protezione Civile. Pesa ancora il dato della Lombardia: 1388 nuovi contagi e 300 morti. Si allenta ulteriormente la pressione negli ospedali, con 88 pazienti in meno in terapia intensiva.

Leggi anche –> Coronavirus, governo verso Fase 2: nuova proroga del lockdown

Nella giornata di ieri, vi era stato un boom dei tamponi, circa 50mila quelli effettuati, con appena il 7% di positivi: ci eravamo attestati così sui dati dei giorni precedenti, ma con oltre 2mila guariti in 24 ore.

Leggi anche –> Twitter, fondatore dona 28% patrimonio alla lotta al Coronavirus – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I dati del Coronavirus in Italia e nel mondo oggi: tamponi e terapia intensiva

(ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Cala ovunque il rapporto tra nuovi contagi e tamponi effettuati: in Puglia, ad esempio, abbiamo 82 nuovi contagi e 1595 tamponi effettuati, ovvero poco più del 5% di positivi in rapporto al totale dei test, con sei nuovi morti; nelle Marche, che fino a pochi giorni fa aveva un rapporto di circa il 35-40% dei tamponi positivi sul totale, oggi scendiamo a 96 casi su 662 tamponi, ovvero il 14,5%.

Per quello che riguarda i nuovi contagi, stabile ma tendente al ribasso il dato della Toscana, con 173 nuovi positivi e sedici decessi, così come quello del Lazio con 163 nuovi contagi – 46 dei quali a Roma – e sei decessi. 443 i nuovi contagi in Emilia-Romagna, una delle Regioni più colpite, su un totale di 3348 tamponi effettuati, ovvero un’incidenza di positivi del 13,2%. Se in Italia un po’ si respira, diverso è il dato mondiale, dove il numero dei positivi ha superato 1,5 milioni, quasi un terzo dei quali solo negli Usa, con 90mila morti.