“Coronavirus, isteria di massa”, musicista morto per il virus

Morto a causa della malattia il musicista della Virginia che criticò il Coronavirus, bollando quanto stava accadendo come “isteria di massa”.

(Facebook)

Un pastore della Virginia e musicista blues secondo il quale c’è una presunta ‘”isteria di massa” che circonda la pandemia di Coronavirus è morto a causa della malattia. Landon Spradlin, di Gretna – una cittadina a metà strada tra Lynchburg e Danville – iniziò a sentirsi male mentre si trovava a New Orleans.

Leggi anche –> Coronavirus, gli esperti frenano: “Fase 2 rischiosa prima di fine maggio”

Qui si era recato in occasione delle celebrazioni del Mardi Gras, secondo la BBC. Un mese dopo, Spradlin – che era anche un musicista esperto inserito nella Blues Hall of Fame nel 2016 – è morto.

Leggi anche ->Covid 19 Italia | come verrà attuata la Fase 2 | gli step previsti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La morte del musicista che definì isteria di massa la paura del Coronavirus

“La sua missione era quella di andare in pub, club e bar, suonare il blues e connettersi con i musicisti e dire loro che Gesù li amava”, ha detto la figlia Jesse Spradlin, 28 anni, alla BBC. Poi ha aggiunto che “il Mardi Gras è come Times Square a New York durante la notte di San Silvestro. È un mare di persone che bevono e fanno festa”. Il pastore era risultato negativo al primo tampone che venne effettuato a New Orleans.

Mentre combatteva contro i sintomi, ha condiviso un meme controverso il 13 marzo, confrontando i decessi per coronavirus con i decessi per influenza suina. Denunciava la reazione pubblica alla pandemia come “isteria di massa” e suggerì che i media stavano usando il virus per colpire Donald Trump. Successivamente, il pastore ha affermato di ritenere che il Coronavirus “sia un vero problema, ma credo che i media stiano pompando paura e facendo più male che bene”. Un altro figlio dell’uomo ha sostenuto: “Non pensava che fosse una bufala, sapeva che era un vero virus. Ma ha pubblicato quel post perché era frustrato dal fatto che i media stessero propagando la paura come principale modalità di comunicazione”.