Morto Ezio Vendrame, il calciatore ribattezzato George Best italiano

Sport in lutto, addio a Ezio Vendrame, morto il calciatore ribattezzato George Best italiano: si è spento oggi dopo una battaglia contro il cancro.

(foto pubblico dominio)

Si è spento oggi all’età di 73 anni Ezio Vendrame, calciatore italiano d’altri tempi, considerato un misto di genio e sregolatezza. Anche per questo, da molti veniva definito il George Best del calcio italiano.

Leggi anche –> Umberto Fiori, chi è: carriera del poeta, rapporto con De André

Friulano, nato a Casarsa della Delizia, cittadina nota perché qui vi passò l’infanzia Pier Paolo Pasolini, il calciatore è cresciuto calcisticamente nelle file dell’Udinese.

Leggi anche –> Coronavirus, morto il poliziotto della scorta del premier Conte

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Carriera e curiosità su Ezio Vendrame, morto oggi

In realtà, Ezio Vendrame non riuscì mai a emergere veramente nel mondo del calcio professionistico, pur avendone probabilmente avuto le capacità. Il suo esordio in serie A avvenne nel 1971, con il Lane Rossi Vicenza, poi dopo tre stagioni nel club veneto arrivò per lui il Napoli. Un’occasione davvero sprecata, con appena 3 presenze e tanti dissidi. Per la mezzala, iniziò la parabola discendente e passò prima al Padova in serie C e poi in altre squadre minori. Si ritirò nel 1981 dopo l’aggressione a un arbitro.

Ebbe una alterna carriera di allenatore di formazioni giovanili, ma soprattutto quella di scrittore. Il suo libro più famoso è l’autobiografia Se mi mandi in tribuna godo, in cui racchiude aneddoti sorprendenti della sua carriera, raccontati con grande ironia e un pizzico di fantasia: dal tunnel al suo idolo Gianni Rivera alla sua ‘performance’ col Padova, quando scartò i calciatori della sua stessa squadra per dare loro una scossa.