Home Curiosità Viaggiare con la musica: cos’è la musica in 8D che sta impazzando...

Viaggiare con la musica: cos’è la musica in 8D che sta impazzando sui social

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:30
CONDIVIDI

Cos’è la musica in 8D e perché sta ottenendo tutto questo successo durante il periodo di quarantena che stiamo vivendo.

musica-8d-cosa-è (2)
Adobe Stock

In realtà non è nuova. La musica 8D circola da diversi anni, ma durante questa emergenza Coronavirus, sembra stia letteralmente spopolando. Tantissime persone sui social stanno condividendo la canzone dei Pentatonix o mandano versioni pazzesche di canzoni tratte dai film, come la colonna sonora di Star Wars. Ma cos’è questa tecnologia 8D e perché sta spaccando proprio ora?

La mania social delle canzoni in 8D

Sui social in queste ore diversi brani di musica in 8D stanno spopolando moltissimo, ma sono molti i Dj che ci confermano che questa non è una tecnologia così nuova. Circola nel loro settore da diversi anni, ma ora, in questo particolare momento storico, sembra che aiuti a viaggiare e a sentirsi come ad un concerto stando a casa per colpa dell’emergenza Coronavirus.

Cos’è la musica 8d?

Questa tecnologia dell’8D è da apprezzare essenzialmente con le cuffie e appena si schiaccia play si ha la sensazione che la musica “scappi” dalle cuffie. Non sembra venire da dentro, ma da fuori, proprio come se foste ad un concerto. Sembra che tutta la musica ci giri intorno, che scuota il nostro cervello e ci faccia viaggiare veramente. Si tratta di semplici effetti sonori, non c’è dietro nessun tipo di “stregoneria”. Circolano nel web già da tempo e soprattutto in questo momento stanno spopolando perché la gente ha tempo per stare a casa, per scoprire cose nuove e ascoltare la musica con attenzione e non distrattamente come prima. Oltre a questa tecnologia, che in realtà è solo un mix di effetti sonori che si possono fare con un qualsiasi software, ce ne sono altri, come Ambisonic, oggi essenzialmente usata per la realtà virtuale. Come riporta Esquire, l’8D secondo il produttore Andrés Mayo si basa su una sorta di manipolazione che non fa capire al nostro cervello da dove proviene il suono. Una musica a 360° in qualche modo e non è più divisa tra destra e sinistra, ma è uno spazio virtuale a tutto tondo.

Nessuna magia insomma, ma poco importa. Anche questa esperienza sonora ci fa in qualche modo viaggiare con la mente e con la fantasia. Ci fa pensare di essere ad un concerto o in un film e di vivere avventure pazzesche.