Home News Video Avigan, sperimentazione in Italia: dubbi sull’efficacia – VIDEO

Avigan, sperimentazione in Italia: dubbi sull’efficacia – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:11
CONDIVIDI

Sperimentazione in Italia di Avigan, un farmaco antivirale giapponese: c’è il via libera di Aifa, ma chi lo produce ha dubbi sull’efficacia.

Molto si discute sul via libera dell’Aifa per la sperimentazione di Avigan. Dopo il Veneto e il Piemonte, anche dagli Spedali Riuniti di Brescia sembrano pronti a far partire la sperimentazione. Lo ha annunciato il professor Castelli, direttore dell’Unità di Malattie Infettive.

Leggi anche –> Cristiano Aresu, chi è il farmacista che ha parlato per primo dell’Avigan

Ma i primi ad avere dubbi sulla sua sperimentazione sembrano essere proprio i produttori, ovvero l’azienda giapponese Fujifilm Toyama Chemical.

Leggi anche ->Avigan, la verità sul farmaco usato in Giappone contro il Coronavirus

(screenshot video)

Se vuoi seguire tutte le ultime notizie selezionate dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

L’azienda che produce Avigan e i dubbi sulla sperimentazione

Coronavirus Italia

Chiaki Hasegawa, responsabile pubbliche relazioni della Fujifilm Toyama Chemical, in una intervista alla DIRE è netta: “Siamo molto sorpresi della possibilità che il nostro farmaco possa essere testato in Italia nella attuale pandemia da coronavirus. Il fatto che strutture italiane possano considerare di avviare sperimentazioni estese o un possibile utilizzo ci preoccupa molto. anche perché i test di cui si parla riguardano la versione cinese di questo farmaco e non ci sono ancora sufficienti sperimentazioni su pazienti non giapponesi”.

Quindi aggiunge: “Al momento non esistono prove scientifiche cliniche che dimostrino l’efficacia e la sicurezza di Avigan contro Covid-19 nei pazienti”. Mario Lavizzari, Corporate senior director di Fujifilm Italia, è sulla stessa lunghezza d’onda: “L’azienda non è in grado di divulgare alcun piano per l’uso di Avigan in altri Paesi. Sappiamo anche che il Favipiravir (versione generica) è stato somministrato a pazienti Covid-19 in Cina. Fujifilm non ha svolto alcun ruolo nelle ricerche di cui sopra e non è quindi in grado di commentare questi risultati”.