Viaggiare a tavola, ricette dal mondo: il Gulasch ci porta in Ungheria

Viaggiare con i sapori: voliamo in Ungheria con il gulasch. Come si fa e tradizione storica. Vi siete mai chiesti come nasce questo straordinario e buonissimo piatto?

gulasch-viaggiare-tavola-ungheria
ADobe Stock

Cosa facciamo in questa quarantena per svagarci un po’ noi italiani? Cuciniamo. I social sono invasi di dolci, pizze, focacce… un po’ di tutto per cercare di staccare la testa dalla quotidiana lotta contro il Coronavirus. Per chi ama viaggiare, noi di Viagginews, abbiamo dato svariati suggerimenti su film da vedere, documentari su Netflix, Disney +, Amazon Prime Video… insomma un po’ di tutto per farvi viaggiare dal divano. Ma abbiamo anche deciso di aiutarvi viaggiando a tavola e, dopo diverse toccate e fughe gastronomiche in Francia e in America,arriviamo in Ungheria alla scoperta del Gulasch.

La storia del gulasch

Il gulasch è un piatto ungherese ricco di storia e tradizione. Il nome deriva dalla parola “mandria di bovini” e significa, in ambito culinario, una preparazione della carne di mucca molto particolare. Essenzialmente è liquida, come una zuppa, e tradizione vuole che fosse cucinata principalmente dai mandriani mentre compivano il lungo viaggio dai pascoli ai mercati di Vienna e Norimberga per vendere i bovini grigi, preziosissimi. Gli ingredienti di questo piatto sono semplici, ma saporiti e sostanziosi: carne, cipolle, carote, patate, paprica e lardo. Da piatto povero e dedicato solo ai mandriani verso la fine del XVIII secolo viene conosciuto anche dai borghesi dell’Ungheria.

Come cucinare questo piatto ungherese?

Le versioni di questo piatto sono svariate: da zuppa può anche diventare una sorta di spezzatino perché lo si lascia cuocere così tanto che il sugo si asciuga e il colore rosso della paprica la fa da padrona, sena però rendere questo piatto piccantissimo come ci si aspetterebbe.

La ricetta

Debrecen, Ungheria (iStock)

Come riporta CheCucino, la preparazione per il gulasch è così fatta. Si comincia affettando le cipolle e facendole soffriggere a fiamma bassa. Nel mentre si taglia a dadini la carne di vitello e la si aggiunge alla cipolla. Lo stufato viene poi arricchito con della paprica dolce e paprica forte, del concentrato di pomodoro, rosmarino, maggiorana e si aggiunge poi sale. Il Gulasch prima di essere pronto deve cuocere lungamente. Minimo 90 minuti. Se poi volete che resti più concentrato potete portare avanti ancora la cottura aggiungendo un pochino di acqua. Un consiglio? Servitelo molto caldo, scalderà la casa e anche il cuore.