Massimo Girardis, chi è il primario di terapia intensiva al Policlinico di Modena

0
3

Il professor Massimo Girardis è il direttore della Terapia Intensiva del Policlinico di Modena. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Massimo Girardis, Direttore della Terapia Intensiva e Post-Operatoria e docente presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, è tra i medici che in questi giorni stanno lavorando senza tregua per cercare di sconfiggere, o almeno arginare, l’epidemia di Coronavirus in una delle zone più colpite. Conosciamolo più da vicino.

Leggi anche –> Coronavirus, il medico Marcello Natali prima di morire: “Mancano i guanti” 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Massimo Girardis

Massimo Girardis ha conseguito la maturità scientifica presso il Liceo Statale “G. Marinelli” di Udine nel 1986 e si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Udine il 1 Aprile 1993 con 110/110 e Lode, ottenendo poi la Specializzazione in Anestesia e Rianimazione presso lo stesso ateneo il 3 Novembre 1997 con 70/70 e lode,e l’Idoneità per Professore Associato in Anestesia e Rianimazione presso Università degli Studi di Brescia.

Nel suo lungo e brillante curriculum Massimo Girardis vanta numerosi incarichi ed esperienze di studio e lavoro anche all’estero, oltre che un ricco corpus di pubblicazioni e attività scientifiche. Dal 1° Gennaio 2014 è Direttore della Struttura Complessa di Anestesia e Rianimazione 1 dell’Azienda
Ospedaliera Universitaria di Modena. Ricopre inoltre l’incarico di Professore Associato presso il Dipartimento Chirurgico, Medico, Odontoiatrico e di Scienze Morfologiche con interesse Trapiantologico, Oncologico e di Medicina Rigenerativa presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

“Lavoriamo circa 18 ore al giorno da tre settimane – ha dichiarato qualche giorno fa il prof. Massimo Girardis alla Gazzetta di Modena -. E quando torniamo a casa continuiamo a riflettere su quale sia la strada migliore per curare i malati”. Il gruppo da lui coordinato si sta occupando dei pazienti con insufficienze respiratorie più gravi. Se c’è una speranza di debellare il Coronavirus che sta mettendo in ginocchio il mondo intero, è anche grazie a medici come lui.

EDS