Scuole chiuse fino alla fine dell’anno, l’ipotesi choc al vaglio del Ministero

0
6

Scuole chiuse fino a fine anno: potrebbe essere questa l’ipotesi del Ministero per arginare l’emergenza Coronavirus.

scuole chiuse

In queste settimane di quarantena i genitori – e gli insegnanti – si sono trovati alle prese con la chiusura delle scuole e la conseguente organizzazione della didattica on line.

Leggi anche–> Scuole chiuse, il ministro Azzolina: “Riapriremo solo quando avremo certezze”

Slide, lezioni su piattaforme di e-learning, compiti inviati tramite whatsapp. Una serie di misure per continuare a svolgere più o meno normalmente il programma scolastico, soprattutto per coloro che saranno alle prese con gli esami di terza media o di maturità.

Leggi anche –> Scuole chiuse, Coronavirus. Il virologo: “Aprire prima di maggio una follia”

Scuole chiuse: le ipotesi al vaglio

Visto che ormai è abbastanza chiaro che non si tornerà tra i banchi il 3 aprile, al vaglio del Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina ci sono per il momento un paio di ipotesi: o il rinvio breve fino al 19 aprile – in pratica non si tornerà a scuola fin dopo quelle che avrebbero dovuto essere le vacanze di Pasqua –  oppure la riapertura al 3 maggio, per il momento l’ipotesi più probabile.

Leggi anche ->L’annuncio di Conte: “Inevitabili proroghe alle chiusure di scuole e negozi”

In realtà il Miur sta anche considerando la possibilità che la scuola non riapra più i battenti e che l’anno scolastico si concluda senza che gli studenti tornino in classe. Per questo la didattica digitale approntata in questi giorni vale come le lezioni frontali in aula: gli insegnanti devono andare avanti col programma e valutare – secondo criteri a discrezione dei docenti – le classi.
Il Ministro Azzolina per ora esclude l’allungamento delle lezioni a giugno, mentre per quanto riguarda la maturità si sta mettendo appunto un esame più leggero che tenga conto del particolare momento storico che stiamo vivendo. In ogni caso, l’anno non verrà perso, ma appunto ci saranno delle riformulazioni.